Cancari, il Musical

Ventu

Ccu ventu forti lu vascellu scerra,
ccu frevi forti lu malatu sbarra.
Ppi cunsigghieri si persi la verra,
prima si penza beni e poi si parra.
Parti guerrieru e va vinci sta verra,
cu la vinci è patruni di Navarra.
La ‘ntisu diri ppi mari e ppi terra:
“cu vinci amuri ppi sempri si nni parra”.
Su parru sgarru e su non parru ‘nzertu,
sugnu comu n’aranciu asciuttu, asciuttu,
sugnu comu na tavula di lettu,
nun n’parru ‘ndicu nenti e sacciu tuttu.
Taliu lu celu suddè chiaru e nettu,
lu celu è nettu e nun è chiaru tuttu
tutti li cosi mi scrivu ‘nta lu pettu,
cu lu fingiri mio vincivi tuttu.

Vento

Con il vento forte il vascello litiga
Con febbre forte il malato delira
Per un consigliere si è persa la guerra
prima si pensa bene e poi si parla
Parti guerriero vai e vinci questa guerra
chi la vince diventa padrone di Navarra.
L’ho sentito dire per mare e per terra
chi vince amore per sempre se ne parla
Se parlo sbaglio, se non parlo indovino
sono come un’arancia secca
sono come una tavola del letto¹
non parlo, non dico niente ma so tutto
Guardo il cielo se è chiaro e limpido,
il cielo e limpido ma non del tutto.
Mi tengo tutto dentro nel mio petto,
con il mio fingere riesco e vincere.

Cancari, il Musical

Circannu a strada
(D.Aiola)

Vaiu di cca circannu a strata
sulu ‘ncunfortu ppi l’anima mia
strata ca pari illuminata
‘mbrogghiu si scopri e così sia
pirchì circamu sempri pruvulazzu
pirchì facemu sempri litanii.
Poviru Cristu e Allah
Buddha e santi
‘manu a sti quattru briganti.
Brucia di focu la to carni
chinu d’amuri e focu lu to cori
teni luntanu a cu ti dici
scantu d’infernu e pintimenti
focu e vita vannu lenti lenti
ma bruciunu cannili e amuri ardenti.
Dicennu “u fazzu ppi tia”
ammazza a quattru o milli annuccenti
pazzu ‘ngnuranti e fora i sennu
o disgraziatu ‘manu a sti briganti
l’unicu scopu di la so esistenza
è cumminari na vigliaccheria.
Che bella arti la pittura
d’angili e santi su chini li quatri
megghiu taliari ‘nfunnu o mari
s’ama priari sti mura tinciuti
preia lu suli ca ti fa agghiurnari
e la to luna ca ti fa sugnari

Cercando la via

Vado cercando la via
Un solo conforto per la mia anima
Strada che sembri illuminata
Si scopre l’imbroglio e così sia
Perché cerchiamo sempre polvere¹
Perché facciamo sempre litanie
Povero Cristo e Allah
Buddha e santi
In mano a quattro briganti
Brucia di fuoco la tua carne
Pieno d’amore e fuoco è il tuo cuore
Mantieni lontano chi ti dice
Paura dell’inferno e dei pentimenti
Fuoco e vita procedono lenti lenti
Ma bruciano candele e amori ardenti.
Dicendo “lo faccio per te”
Uccide quattro o mille innocenti
Pazzo ignorante e folle
Oh disgraziato in mano a questi briganti
L’unico scopo della sua esistenza
È fare una vigliaccheria.
Che bella arte è la pittura
Di angeli e santi sono pieni i quadri
Meglio guardare in fondo al mare
Se dobbiamo pregare queste mura dipinte
Prega il sole che fa risvegliare
E la tua luna che ti fa sognare.

Cancari, il Musical

Canciari nenti

Canciari tuttu ppi nun canciari nenti
Baruni e parrini d’accordu e cuntenti
L’Italia fu fatta ‘ntra milli turmenti
Tutta ‘nde spaddi da povira genti.
Nun c’è mafia e mafiusi ca ponu bastari
Quannu ‘npopulu stancu accumencia a luttari
Cu Peppa a cannunera ca si metti davanti
Contra li burbuna e contra li briganti.
Canciari tuttu ppi nun canciari
Nun c’è mafia ca pò bastari
Nun c’è pacienza ca pò finiri
Né spiranza ca pò capiri.
“N’arrubbanu lu suli e ristamu a lu scuru”
Gnaziu puitava e Rosa cantava
Prisintamu st’amici ca ni desunu u cori
Ppi la nostra Sicilia lu lustru truvari.
“Vitti na crozza supra nu cannuni”
Troppu cristiani comu passuluni
Chiudunu l’occhi senza fari strapazzi
S’arridducenu tutti poviri e pazzi.

Non cambia niente

Cambiare tutto per non cambiare niente
Baroni e preti d’accordo e contenti
L’Italia fu fatta tra mille tormenti
Tutta sulle spalle della povera gente.
Non c’è mafia e mafiosi che tengano
Quando un popolo stanco comincia a lottare
Con Peppa “la cannoniera” che si mette davanti
Contro i Borboni e contro i briganti.
Cambiare tutto per non cambiare
Non c’è mafia che tenga
Non c’è pazienza che finisca
Né speranza che possa bastare.
Ci hanno rubato il sole e siamo
rimasti al buio
Ignazio poetava e Rosa cantava
Presentiamo questi amici che ci
hanno regalato il cuore
Per dare lustro alla nostra Sicilia.
Ho visto un teschio sopra un torrione
Troppe persone come fichi appassiti (istupiditi)
Chiudono gli occhi senza strapazzarsi
Si sono ridotti poveri e pazzi.

(Visited 77 times, 1 visits today)

Leave a Reply