MISSIONE PESCA IN ANGOLA

Pesca in Angola

Focus: esportazione pescato e conserve italiani, cattura, conservazione e trasformazione pescato angolano, vendita, costruzione, manutenzione e riparazione imbarcazioni, vendita macchinari, attrezzature, servizi e infrastrutture per la pesca e per la nautica, acquacoltura in mare aperto, produzione e vendita di sale, formazione e assistenza tecnica alla produzione e alla commercializzazione

MISSIONE PESCA IN ANGOLARoma, 14 marzo 2017 Prot.n. 101

Abbiamo il piacere di comunicarvi che dal 21 al 27 maggio 2017 avrà luogo in Angola una missione di operatori italiani dedicata alla filiera della pesca e della nautica.

L’iniziativa si svolgerà nella capitale Luanda e nelle Regioni di Zaire, Kwanza Sul, Benguela e Namibe, dove sono previste visite alle installazioni operative e incontri istituzionali.

PERCHE’ PARTECIPARE

L’Angola è un Paese di quasi 26 milioni di abitanti in un territorio grande 4 volte l’Italia. Rimane una delle realtà più interessanti dell’intero continente africano, con un elevato potenziale interno e un ancor più grande potenziale regionale, in quanto cerniera tra Africa centrale, australe e occidentale.

MISSIONE PESCA IN ANGOLAI consumi alimentari sono fortemente improntati alle tradizioni mediterranee portoghesi e derivano dalla grande abbondanza di pesce, in particolare aragoste, gamberi, cernie, polpi, seppie, calamari, tonni. Gli imprenditori angolani, che hanno accumulato ricchezze con il petrolio e l’edilizia, stanno ora comprando macchinari e attrezzature per la pesca e cominciano a installare fabbriche di trasformazione.

Sono tuttavia consapevoli della mancanza di esperienza tecnica e manageriale e hanno difficoltà ad adeguarsi agli standard internazionali. La ricerca di un partner è soprattutto dettata dal bisogno di assistenza tecnica e manageriale. Il Governo angolano ha identificato programmi di investimento infrastrutturali e prevede progetti di partenariato produttivo pubblico-privato, anche con incentivi economici e fiscali, in settori considerati prioritari, come la nautica e la pesca.

La diversificazione economica in atto favorisce quindi sia la vendita di macchinari, attrezzature e prodotti ittici alimentari italiani, sia la partecipazione al processo commerciale e produttivo angolano, inglobando l’imprenditoria locale nelle catene di valore internazionali italiane.

L’Angola potrebbe infatti consentire agli operatori italiani, di superare le quote imposte dall’Unione Europea per l’approvvigionamento ittico e ampliare la quota mondiale di vendita di prodotti e macchinari. Indipendentemente dalle potenzialità del mercato locale e dalla possibilità di esportare in Europa, il partenariato italo-angolano potrebbe inoltre beneficiare dell’esportazione nei vicini Paesi africani, che dipendono dalle importazioni di pescato e dalla pesca artigianale nei fiumi.

MISSIONE PESCA IN ANGOLA
OBIETTIVI

L’evento è rivolto a imprese, cooperative, associazioni di imprese, professionisti, società di consulenza, enti, istituzioni. Con tale evento, ICE-Agenzia intende presentare il mercato angolano agli operatori italiani e promuovere la collaborazione fra le imprese italiane e quelle angolane, allo scopo di finalizzare accordi commerciali e produttivi.
COME PARTECIPARE

La partecipazione alla missione è gratuita.
Sarà possibile aderire all’iniziativa fino al giorno 28 Aprile 2017.
Per informazioni e adesioni, si invita a consultare il seguente link:

https://sites.google.com/a/ice.it/missione-pesca-in-angola-maggio-2017/

PROGRAMMA

Il programma prevede l’organizzazione di incontri con le controparti locali, con spostamento dei partecipanti dalla capitale Luanda alle Regioni di Zaire, Kwanza Sul, Benguela e Namibe, a mezzo pullman e volo aereo.
Cordiali saluti.

Giovanni Sacchi
Dirigente a.i.
Ufficio Partenariato Industriale e
Rapporti con gli Organismi Internazionali

Luogo: Angola
Capitale Luanda
Regioni Zaire, Kwanza Sul, Benguela e Namibe

Data:
21-27 maggio 2017

Scadenza adesioni:
28 aprile 2017

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

ICE ROMA
Ufficio Partenariato Industriale e rapporti con Organismi Internazionali
Dirigente ad interim: Giovanni Sacchi

Referenti per l’iniziativa:
Antonio Avallone
Mirella Bernardini
Claudio Bertinetto
Tel: 06 5992 6998
Tel: 06 5992 6641
Tel: 06 5992 6677
e-mail: coll.industriale@ice.it

L’Ufficio ICE di:
Luanda
Direttore: Milena Del Grosso
Analista di mercato: Adlezio Agostinho
Tel: + 244 222 335 421
e-mail: luanda@ice.it
è a disposizione per fornire l’assistenza e le informazioni necessarie alle aziende partecipanti

Pasos e Misteri

Pasos e Misteri

Inaugurazione della mostra fotografica “Pasos e Misteri. La Settimana Santa in Sicilia e in Andalusia”

Buongiorno,

l’On. Presidente Giovanni Ardizzone e il Direttore Generale della Fondazione Federico II, Francesco Forgione, hanno il piacere di invitare le SS.VV. alla conferenza di presentazione e all’inaugurazione della mostra fotografica “Pasos e Misteri. La Settimana Santa in Sicilia e in Andalusia”.
Pasos e Misteri

Giornata di Studi, giovedì 30 marzo 2017, ore 16.00, Museo internazionale delle Marionette “Antonio Pasqualino” Piazzetta Antonio Pasqualino, 5 – Palermo

Inaugurazione: venerdì 31 marzo 2017, ore 18.00, Oratorio dei Santi Elena e Costantino, piazzetta della Vittoria 22, Palermo (Villa Bonanno)

Novecento Italiano. Una Storia

Inaugurazione della mostra “Novecento Italiano. Una Storia”

Direzione Fondazione Federico II
Buongiorno,

l’On. Presidente Giovanni Ardizzone e il Direttore Generale della Fondazione Federico II, Francesco Forgione, hanno il piacere di invitare le SS.VV. all’inaugurazione della mostra “Novecento Italiano. Una Storia”.

Sala Duca di Montalto, Palazzo Reale di Palermo. Venerdì 24 marzo 2017, ore 18:00.

Seguirà cocktail.

Cordialità

dott. Carmelo Antico
Segreteria del Direttore Generale
Fondazione Federico II
Via N. Garzilli, 36
90141 Palermo
direzione@federicosecondo.org
091/6262833

Inaugurazione della mostra "Novecento Italiano. Una Storia"
La Fondazione Federico II è una fondazione di Palermo nata “al fine della più ampia conoscenza e della diffusione dell’attività degli organi istituzionali della Regione Siciliana e dell’Assemblea regionale siciliana in particolare, e dei valori e del patrimonio culturale della Sicilia”.

La Fondazione Federico II ha il compito di valorizzare la tradizione politica e culturale della Sicilia promuovendo iniziative finalizzate alla più ampia conoscenza del retaggio storico del Parlamento regionale e delle istituzioni giuridiche siciliane, dando una puntuale informazione sull’attività degli organi istituzionali della Regione, attraverso “la pubblicazione e diffusione di volumi, di riviste e notizie sull’autonomia e le sue istituzioni”. Tra le sue finalità anche “la promozione di iniziative volte alla valorizzazione del patrimonio culturale della Sicilia e delle opere di artisti siciliani”.

Search Hotels

Destination
Check-in date
Check-out date

La Traviata

Wednesday, March 15 2017, 06:00 pm
United Nations Room
Presentazione La Traviata 2595 – Gallery Teatro Massimo
Conferenza di presentazione dell’opera La Traviata di Giuseppe Verdi (dal 19 marzo al 1 aprile) organizzata dagli Amici del Teatro Massimo, con Paolo Gallarati.

La Traviata

Paolo Gallarati è professore ordinario di Istituzioni di Storia della musica e di Drammaturgia musicale nell’Università di Torino. Ha fondato il dottorato di ricerca in «Storia e critica delle culture e dei beni musicali» e il «Centro Regionale Universitario per la Musica “Massimo Mila”» della Università di Torino di cui è stato direttore sino al 2009.
È codirettore della rivista musicologica «Il Saggiatore musicale» e fa parte del Comitato d’onore della edizione critica delle «Opere di Gioachino Rossini» edita da Bärenreiter (Kassel-Basel-London-New York-Praha). Svolge attività di critico musicale sulle colonne de «La Stampa» e sulla rivista «Amadeus». Nel 1996 per il volume La forza delle parole. Mozart drammaturgo (Torino, Einaudi, 1993), gli è stato assegnato il secondo «Premio internazionale Massimo Mila per la saggistica musicale». Il suo volume più recente è Verdi ritrovato. Rigoletto, Trovatore, Traviata, (Il Saggiatore, 2016).
L’ingresso è libero sino ad esaurimento dei posti disponibili.

La traviata è un’opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave. È basata su La signora delle camelie, opera teatrale di Alexandre Dumas (figlio), che lo stesso autore trasse dal suo precedente omonimo romanzo.

Viene considerata parte di una cosiddetta “trilogia popolare” di Verdi, assieme a Il trovatore e a Rigoletto.

Fu in parte composta nella villa degli editori Ricordi a Cadenabbia, sul lago di Como. La prima rappresentazione avvenne al Teatro La Fenice il 6 marzo 1853 ma, a causa forse di interpreti carenti e – probabilmente – per il soggetto allora considerato scabroso, non si rivelò il successo che il suo autore si attendeva[1]; fu ripresa il 6 maggio dell’anno successivo a Venezia al Teatro San Benedetto in una versione rielaborata e con interpreti più validi, come Maria Spezia Aldighieri e finalmente, diretta dal compositore, riscosse il meritato successo.

A causa della critica alla società borghese, l’opera, nei teatri di Firenze, Bologna, Parma (10 gennaio 1855 nel Teatro Regio di Parma come Violetta), Napoli e Roma, fu rimaneggiata dalla censura e messa in scena con alcuni pezzi totalmente stravolti. Sempre per sfuggire alla censura, l’opera dovette essere spostata come ambientazione cronologica dal XIX al XVIII secolo.

Secondo i dati pubblicati da Operabase nel 2013 è l’opera più rappresentata al mondo nelle ultime cinque stagioni, con 629 recite.

Terrasini Up and Down

Terrasini, sunset
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01411.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01411.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/07/fuocoammare.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/07/fuocoammare.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/33cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/33cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/2cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/2cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01407.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01407.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-2.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-2.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01415-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01415-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424.jpg

Ein kurzer Besuch im November in Terrasini, ein Sturm ist gerade vorbei gezogen, das Meer ist auf gewühlt, man kann nicht baden.

Was tun? Ab in die Berge und Pilze suchen..!!

Terrasini liegt ca. 30 km westlich von Palermo an der Autobahn A29 nach Trapani zwischen den Bergen und dem Golf vom Castellammare in der Nähe des Flughafens Palermo.

Die Stadt ist an die Eisenbahnstrecke Palermo – Trapani angeschlossen.

Die Einwohner arbeiten hauptsächlich in der Landwirtschaft, in der Fischerei und im Tourismus.

Die Nachbargemeinden sind Carini, Cinisi, Partinico und Trappeto.

Search Hotels

Destination
Check-in date
Check-out date