Terrasini Up and Down

Terrasini, sunset
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01426.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/07/fuocoammare.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/07/fuocoammare.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/33cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/33cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161121_083753-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01424.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01407.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01407.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01398.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01411.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01411.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01421-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/2cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/2cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-2.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/83cinisi-2.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01422-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/cinisi-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/cinisi-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01415-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/DSC01415-1.jpg
http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515-1.jpg http://sicilian.net/wordpress/wp-content/uploads/2016/11/IMG_20161117_104515-1.jpg

Ein kurzer Besuch im November in Terrasini, ein Sturm ist gerade vorbei gezogen, das Meer ist auf gewühlt, man kann nicht baden.

Was tun? Ab in die Berge und Pilze suchen..!!

Terrasini liegt ca. 30 km westlich von Palermo an der Autobahn A29 nach Trapani zwischen den Bergen und dem Golf vom Castellammare in der Nähe des Flughafens Palermo.

Die Stadt ist an die Eisenbahnstrecke Palermo – Trapani angeschlossen.

Die Einwohner arbeiten hauptsächlich in der Landwirtschaft, in der Fischerei und im Tourismus.

Die Nachbargemeinden sind Carini, Cinisi, Partinico und Trappeto.

Search Hotels

Destination
Check-in date
Check-out date

Siracusa – Beautiful with Sadness

Ortigia in Siracusa, Sicily

Siracusa, SicilyMaybe for my knowledge about Siracusa, a small town, I learn in advance, I notice a gentle and cultivated feeling when I step onto the old city area of Ortiga Island.

This small town, with a population of less than thirty thousand, is located in the southeast of Sicily in Italy. It is divided into two parts of which the old part is on Ortiga Island and the other part is in the peninsula area. Ortiga Island has appealing history and myths although it is small like a sparrow. I wonder where my gentle and cultivated feeling about the town comes from. I walk along the east coast of the matronly Ortiga Island. In the road junction, it is the “Archimedes Street” when turn right.

GdS - Edizione di Siracusa

Over two thousand years ago, Siracusa, as one of city-states of the ancient Greece, was determined to replace Greece which was a culture city then. As a matter of fact, not only did it defeat Greece in military affairs, but also it applied itself to build an elegant society. As a result, you can hear some stories here about Plato and so on. The native-born Archimedes ran in the street, naked and shouting out with “Eureka”, after he found the physics law. As time flies, the street pattern today is so different from that of the age-old Greece.

Going ahead to the south, I want to visit a beautiful and sad legend. The Aretusa spring and the green and lush pond are by the blue Mediterranean Sea. The fairy of Aretusa in the legend is a maid who serves the hunt goddess of Artemis. She is loved by Achelous strongly. Aretusa flees to Ortiga and requests Artemission to turn her into this pond in order to dodge the Achelous. The Achelous is unwilling to give up and changes the course of the river and immit the pond from the underground. From then on, they two are with each other.

After saying goodbye to Aretusa, I turn in an alleyway for the first time and go towards the Piazza Duomo. The most important Catholic Church of Ortiga and a museum are on the piazza. The vision before me reminds me of a woman–Monica Bellucci who becomes well known for the film <<Malena>>. This film is shot on the Piazza. The film director shows people the life rhythm of this Piazza by fluent switches of camera lens. Also, the beautiful and sad legends are connected by this film. For more information about traveling; please have a look at [http://www.affordable-cruises-tours.com].

Un Gran Bel…Vedere a Siracusa

Search Hotels

Destination
Check-in date
Check-out date

Il Principe di Lo Zucco

Il Principe di Lo Zucco

Lo Zucco è una località agricola situata fra i comuni di Montelepre, Terrasini e Partinico. La località dello Zucco è stata protagonista di vicende storiche importanti dal punto di vista dell’innovazione economica e dei movimenti positivisti degli aristocratici illuminati dell’800.

LO ZUCCO. Il vino del figlio del Re dei Francesi un film documentario di LIDIA RIZZO una produzione BLUE FILM realizzato in collaborazione con SICILIA FILM COMMISSION

 

Il Principe di Lo Zucco della Sicilia
Pietro Galioto, il Principe di Lo Zucco della Sicilia.

 

La Storia e il duca D’Aumale

Colui che fu a capo dell’accennata innovazione fu il duca Henry D’Aumale, appartenente ad un ramo della famiglia di Orlèans di Francia. Nell’800 decise di acquisire da don Vincenzo Grifeo Duca di Floridia e principe di Partanna circa 6000 ettari di terreno, ecco che fra vallate, sorgenti, vecchi percorsi sterrati sorgeva la tenuta dello Zucco.

Dai documenti disponibili, quali la Rivista industriale, commerciale ed agricola della Sicilia, è possibile individuare l’idea del duca D’Aumale: creare una forte attività imprenditoriale ricca d’innovazione, rendendo quel povero centro siciliano un ricco centro produttivo, di stampo autarchico. Oltre le vallate, nel cuore del feudo, nascosto fra la vegetazione si trovava l’abitazione del duca: un borgo, che racchiudeva in sé un frantoio, cantine, scuderie e alloggi.

Dai documenti provenienti dall’Archivio di Parigi “Branche d’Orléans”, è possibile osservare una serie di progetti, disegni, carteggi ed altro, risalenti all’Ottocento, che ci permettono di conoscere con precisione il patrimonio siciliano degli Orlèans, la loro attività in Sicilia era basata essenzialmente sulla coltivazione e lavorazione dell’uva e dell’ulivo.

L’innovazione del duca portò alla realizzazione di un vino, chiamato “Lo Zucco” che gli assicurò un successo invidiabile, fu presentato anche all’esposizione nazionale di Palermo del 1891-92

Le innovazioni apportate dal duca furono presto diffuse negli altri feudi, dando vita ad un processo di miglioramento di tecniche e colture in una zona prevalentemente caratterizzata dall’arretratezza.

Lo Zucco
Lo Zucco, Sicilia

La mattanza di tonno a Favignana

Mattanza di tonno

Mattanza. The ritual of killing tuna in Sicily. In Sicily they catch Bluefin tuna in a traditional festival known as the mattanza which takes place in May and June each year. A huge trap (called the tonnara) leads the fish into a chamber, called la “camera della morte”, which has a net floor that can be raised. The fish are then brought to the surface and killed. During this festival, while the tuna are being caught, “Tonnarotti” sing special songs called “scialome” which have been passed down for so long that much of the meaning has now been lost. The term ‘mattanza’ comes from the old Spanish word, “matar”, while other words, such as “rais” (the head fisherman of the mattanza), are of Arabic origin. There are only a few genuine mattanzas left now, and these are all to be found to the west of Sicily, among the Egadi Islands.

Fotografie di Peppino Pippitone

Restituire e rigenerare bellezza

Conferenza stampa lunedì 28 settembre alle 10.30 alla Provincia Regionale di Messina per la presentazione dell’inedita Mostra di Antonio Presti Restituire e rigenerare bellezza, dal 3 ottobre al Castello di Spadafora nell’ambito della Rassegna Contemporary Art in Sicily – Spadafora.
Per la prima volta in assoluto la vita dedicata all’arte del mecenate Antonio Presti uscirà dai confini fisici in cui è divenuta famosa in tutto il mondo.

Restituire e rigenerare bellezza

Spadafora, 24/09/2015

Si svolgerà lunedì 28 settembre alle 10.30 presso il Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina la conferenza stampa di presentazione della Mostra di Antonio Presti Restituire e rigenerare bellezza.
L’inedito progetto sarà inaugurato sabato 3 ottobre alle 19.00 al Castello di Spadafora,  nell’ambito della Rassegna Contemporary Art in Sicily – Spadafora.

All’incontro con i giornalisti, cui saranno invitati anche i dirigenti scolastici degli Istituti d’Arte di Messina e Provincia, parteciperanno lo stesso Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte; il sindaco di Spadafora, Giuseppe Pappalardo; il consigliere comunale  di Spadafora e supervisore di Contemporary Art in Sicily, Antonio D’Amico; l’ideatore della Rassegna, Ranieri Wanderlingh.

Con l’esposizione Restituire e rigenerare bellezza per la prima volta in assoluto la vita tutta dedicata all’Arte del mecenate Antonio Presti, uscirà dai confini fisici in cui è divenuta famosa in tutto il mondo, per raggiungere soprattutto le nuove generazioni, in un percorso in cui l’Arte diviene strumento etico e la bellezza occasione di confronto e di crescita.
Restituire e rigenerare bellezza ospiterà, infatti, suggestive gigantografie raffiguranti le principali tappe del genio creativo e altruista di Antonio Presti: il Parco scultoreo di Fiumara d’Arte di Tusa; il museo-albergo Atelier sul mare, a Castel di Tusa; Librino, quartiere di Catania, manifestazione tangibile di quella politica della bellezza intrapresa da Presti. Accanto alle fotografie, inoltre, troveranno spazio alcune delle opere realizzate dai giovani di Librino: tele dipinte, fotografie, testimonianze del viaggio alla ricerca della bellezza, pronte a raccontare una storia fatta di impegno e condivisione, di arte e vita.

L’Ufficio stampa

Carmen Di Per
carmendiper@gmail.com
393. 0293426

Caterina Mittiga
magika.press@gmail.com
348.0868527

Biografia di Antonio Presti
Devoto all’arte, donatore di bellezza, difensore del valore della semina per le generazioni future. Il presidente della Fondazione Fiumara d’Arte è stato definito mecenate, ma questa parola non restituisce interamente il senso di una vita spesa al servizio della bellezza come strumento etico.
Nato a Messina nel maggio 1957, dopo gli studi di ingegneria all’Università di Palermo, Antonio Presti si ritrova a fare una scelta radicale: lasciare le redini dell’azienda paterna per dedicarsi all’arte e all’etica. Nel 1982 nasce a Tusa l’associazione culturale Fiumara d’Arte, il 12 ottobre 1986 viene inaugurata la prima delle sculture di quello che diventerà il parco scultoreo all’aperto più grande d’Europa. L’opera che segna questo nuovo inizio è “La materia poteva non esserci”, di Pietro Consagra, collocata alla foce della fiumara.
Comincia per Antonio Presti un percorso fatto di donazione, giacché le opere che via via verranno collocate nel parco rappresenteranno semplicemente atti di donazione ai cittadini, finanche alle amministrazioni locali, che però non riconosceranno il dono e ne faranno anzi un’occasione di attacco, accusando Presti di abusivismo edilizio, fino ad arrivare a un processo penale durato 23 anni.
Il processo non arresta la strada già intrapresa: mentre il Parco si arricchisce di nuove opere, dal 1990 Presti organizza, prima a Pettineo e poi in altri comuni, la manifestazione “Un chilometro di tela”, prova di pittura estemporanea che riunisce centinaia di artisti su un’unica tela che attraversa le strade del paese e che a fine manifestazione viene tagliata in tanti pezzi e regalata agli abitanti. Il 1990 è anche l’anno in cui Presti compra a Castel di Tusa un albergo di 40 stanze che comincia ad affidare ad artisti provenienti da ogni parte del mondo, perché possano trasformare le camere in vere e proprie opere d’arte. Nasce così il museo-albergo Atelier sul Mare.
Nel 2001 Presti porta su un treno i più grandi poeti italiani viventi: l’evento si chiama “L’offerta della parola” e su quel treno poeti e passeggeri si trovano fianco a fianco a parlare di poesia.
L’anno successivo Antonio Presti raduna a Librino, quartiere degradato di Catania, fotografi e registi da tutto il mondo e chiede loro di raccontare la gente del luogo, con il suo dolore e le sue speranze. Librino ha bisogno di ritrovare la sua identità, il suo orgoglio, e quindi, le tracce nascoste della sua bellezza. A Librino Presti tornerà più volte, e lo farà per cercare un dialogo principalmente con i ragazzi, cui è affidato il compito di risollevare le sorti di un luogo che ha perso di vista la bellezza. E ci tornerà anche con il progetto “Viaggio in Sicilia … verso Librino”, in compagnia di scrittori internazionali (Paco Taibo II, Jonathan Coe, Meir Shalev, e molti altri) con il compito di affidare alla parola scritta il racconto di un viaggio nel cuore della Sicilia.
Nel 2006 trova conclusione la resistenza contro chi voleva abbattere le sculture della Fiumara d’Arte: il governo regionale riconosce e approva l’istituzione del percorso turistico culturale di Fiumara d’Arte. Il Parco nel frattempo è cresciuto, così come sono aumentate le camere d’artista dell’Atelier sul Mare. Presti organizza eventi di promozione etica in tutta la Sicilia. Tante le battaglie simboliche, tantissimi i giovani coinvolti.
Nel 2007, in occasione del 25° anniversario di Fiumara d’Arte, nasce la Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte, con l’obiettivo di dare vita a forme di collaborazione attiva con istituti scolastici, accademie, università, perché il patrimonio artistico creato negli anni trovi la sua continuità nel tempo e perché i giovani riconoscano e mettano in pratica nelle loro vite il valore etico della bellezza.

Contemporary Art in Sicily - Spadafora

Contemporary Art in Sicily – Spadafora

Contemporary Art in Sicily – Spadafora è una rassegna voluta dal sindaco di Spadafora, Giuseppe Pappalardo; dal consigliere  e supervisore Antonio D’Amico; da Ranieri Wanderlingh, ideatore e consulente artistico del progetto; gli eventi organizzati all’interno del Castello di Spadafora vedono la convenzione con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina.
La rassegna è nata con lo scopo di promuovere e valorizzare il ruolo culturale e aggregativo di due luoghi simbolici per il territorio di Spadafora e per i comuni limitrofi, come il Castello e il Museo dell’Argilla, attraverso un’esplorazione dei diversi linguaggi e dei diversi codici dell’arte contemporanea  siciliana. È inserita in un progetto cofinanziato dall’Unione Europea e dalla Regione Sicilia (a cura dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali), nell’ambito dei fondi per lo sviluppo regionale nella linea d’intervento dedicata all’arte contemporanea. Il progetto comprende anche l’allestimento tecnico espositivo del piano terra del Castello Spadafora e del Museo dell’Argilla, con arredi e centro multimediale; l’arredo tecnico del nascente “Museo Forma” con impianto di video sorveglianza, parcheggio e cura del verde, e la realizzazione di prodotti culturali video e digitali.
Note tecniche

Progetto generale: allestimenti tecnici per il museo dell’argilla e per il Castello di Spadafora, produzione di contenuti multimediali, realizzazione di un calendario di mostre d’arte contemporanea di rango regionale.
Realizzato con fondi del P.O. Fesr Sicilia 2007/2013. Attuazione asse 3 Obiettivo operativo 3.1.3, linea d’intervento 3. Ente appaltante: Comune di Spadafora. Sindaco: dott. Giuseppe Pappalardo; supervisione: dott. Antonio D’Amico;
progetto esecutivo e direzione lavori: ing. Antonio Pio D’Arrigo, con: arch. Antonio Santoro, ing. Nicola Rustica, ing. Domenico Mangano e ing. Agostino La Rosa. Consulente artistico: Ranieri Wanderlingh.
Responsabile Unico del Procedimento: arch. Giuseppe Trifilò, Comune di Spadafora.

La realizzazione del progetto è stata affidata all’ATI Inart Strutture e Servizi per la Cultura, costituita da Cotolo s.r.l. (capogruppo), Eureka! di Giovanni Buggé ed Explorer Informatica s.r.l., in collaborazione con Magika s.r.l.