La Spia

Monreale, Sicily

La Spia – contro ogni forma di mafia

  • Ragusa, denunciate 7 persone per ricettazione di telefoni cellulari
    Stesso copione ripetutosi durante l’estate quello di qualcuno che, approfittando della distrazione di infermieri impegnati nel loro lavoro o pazienti che hanno altro di cui preoccuparsi, ha perpetrato i furti di alcuni cellulari all’interno dell’ospedale “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa Ibla. Gesto deprecabile a cui i militari della stazione di Ragusa Ibla hanno risposto con una mirata attività investigativa. E così dall’analisi dei tabulati è emerso che i telefoni rubati venivano utilizzati da 7 persone, tra cui una casalinga italiana, due sudafricani e due ragazze romene che li avevano acquistati a cifre irrisorie da conoscenti. I militari, dopo aver identificato gli utilizzatori hanno proceduto alla perquisizione delegata degli stessi e dei loro domicili, riuscendo a ritrovare la refurtiva che è stata recuperata per essere successivamente restituita. Tutti e sette i detentori dei cellulari sono stati denunciati a piede libero per ricettazione, mentre, sulla scorta delle indicazioni fornite dagli indagati sui venditori dei cellulari, la Stazione continua l’attività di indagine tesa a scoprire i materiali esecutori dei furti.   The post Ragusa, denunciate 7 persone per ricettazione di telefoni cellulari appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-21By Redazione
    4 months ago
  • Modica, truffa ad oltre 350 esercenti: denunciato 41enne
    Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa hanno denunciato un soggetto che ha installato e curato la manutenzione dei registratori di cassa presenti presso numerosi esercizi commerciali della provincia iblea, senza avere la prescritta abilitazione dell’Agenzia delle Entrate. Nell’ambito dei controlli finalizzati al riscontro del regolare rilascio dello scontrino fiscale, i finanzieri della Tenenza di Modica hanno scoperto un modicano, S.M. di anni 41, commerciante di macchine ed attrezzature per ufficio, che ha ingegnato questa truffa nei confronti di oltre 350 ignari esercenti che, in buona fede, si sono affidati al tecnico. In particolare, i militari hanno conteggiato più di 450 casi di operazioni di defiscalizzazione, installazione e verifica annuale dei registratori di cassa, effettuate senza che l’operatore fosse in possesso dell’abilitazione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate. Sono in corso gli ulteriori accertamenti finalizzati a quantificare l’ammontare delle operazioni irregolarmente certificate. L’attività del tecnico è stata prontamente interrotta attraverso il ritiro del punzone identificativo irregolarmente utilizzato e dei bollini di certificazione. Inoltre lo stesso è stato deferito alla Procura della Repubblica di Ragusa per i reati di falso in certificazione e truffa nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. Le installazioni e le verifiche periodiche irregolarmente effettuate dall’operatore saranno sottoposte ad ulteriori approfondimenti, al fine di valutare se ricorrano o meno i presupposti per le violazioni di “omessa installazione od omessa revisione del misuratore fiscale”. The post Modica, truffa ad oltre 350 esercenti: denunciato 41enne appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-21By Redazione
    4 months ago
  • Corruzione: mazzette su rinnovabili in Sicilia, blitz e arresto
    Una professionista arrestato e un dirigente regionale sospeso per corruzione nel settore delle energie rinnovabili in Sicilia. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, coordinati dal procuratore aggiunto Bernardo Petralia e dal sostituto Claudia Ferrari, hanno seguito i provvedimenti a conclusione delle indagini che hanno consentito di documentare le mazzette elargite da Vincenzo Salvatore Sucato, consulente per la Sicilia di una societa’ leader in Europa nel campo della produzione di rinnovabili, nei confronti del dirigente pro tempore dell’assessorato regionale all’Energia Salvatore Rando. Da quest’ultimo avrebbe ottenuto, dietro pagamento di una tangente di 7 mila euro, il rilascio di un decreto autorizzativo in sanatoria. In particolare, il provvedimento avrebbe sanato la mancanza di autorizzazione a collegare, alla linea elettrica nazionale, un impianto fotovoltaico dell’azienda, nel Comune di Ragusa, senza la quale il Gestore di servizi energetici spa non avrebbe potuto erogare gli incentivi previsti dalla legge per la produzione di energia prodotta da fonti rinnovabili. Nello stesso procedimento, e’ inoltre indagato l’amministratore delegato che sarebbe il ‘mandante’. Sequestrati documenti nel corso delle perquisizioni nell’assessorato all’Energia e nella sede di Roma della societa’, nonche’ presso le abitazioni di tutti gli indagati. In particolare, all’interno dell’azienda e’ stata reperita la bozza del decreto inviata da Rando perche’ venisse modificata secondo gli obiettivi dei vertici della societa’. Il Giudice per le indagini preliminari ha disposto che Sucato, quale consulente per la societa’ in questione (e non per la carica di assessore ai Lavori Pubblici che ricopre a Santa Flavia), sia posto agli arresti domiciliari; ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-21By Redazione
    4 months ago
  • Mafia: chiesto processo per Matteo Messina Denaro, “è il mandante delle stragi”
    La Procura di Caltanissetta ha chiesto il rinvio a giudizio per Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti delle stragi del ’92, in cui furono uccisi i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L’udienza preliminare e’ stata fissata per il 22 dicembre, davanti al giudice Marcello Testaquatra. Il provvedimento, e’ stato notificato a Castelvetrano, alla madre del superlatitante. Il ruolo di mandante di Matteo Messina Denaro, imprendibile dal ’93, emerge da piu’ collaboratori di giustizia che negli anni hanno raccontato che il latitante trapanese reggeva Cosa nostra nella sua provincia al posto del padre, il capomafia Ciccio Messina Denaro. Dai racconti dei pentiti Vincenzo Sinacori e Francesco Geraci emerge che Matteo Messina Denaro – a lungo ritenuto l’erede di Toto’ Riina che di lui un tempo aveva grande fiducia – avrebbe preso parte, nel settembre 1991, al summit mafioso di Castelvetrano in cui sarebbe stato pianificato il progetto di assassinare Falcone. Il super latitante aveva anche progettato l’attentato al giudice Borsellino quando era procuratore a Marsala. L’inchiesta e’ coordinata dal Procuratore Amedeo Bertone e dai sostituti Procuratori Gabriele Paci, Lia Sava e Stefano Luciani. The post Mafia: chiesto processo per Matteo Messina Denaro, “è il mandante delle stragi” appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-21By Redazione
    4 months ago
  • Vigilessa trovata morta a Ragusa, aperta un’inchiesta
    Una vigilessa di 52 anni, Separata e madre di figli a causa, in servizio al Comando municipale di Ragusa, has been trovata morta all’interno del Suo appartamento. E ‘Stato Uno dei due figli una tariffa la scoperta. Sono intervenuti i carabinieri Che, al Momento, privilegiano la pista del suicidio. E ‘Probabile Che la donna si SIA sparata con la pistola dell’Ordinanza, ma Sarà l’esame dello’ stub ‘, Uno speciale tampone adesivo, un chiarire se SIA Partito Il colpo mortale. (FONTE: GDS) The post Vigilessa trovata morta a Ragusa, aperta un’inchiesta appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-20By Redazione
    4 months ago
  • La morte misteriosa di Pamela Canzonieri, parla la sorella: “Siamo stati abbandonati”
    “Ci sentiamo abbandonati dallo Stato”. Cosi’ in una nota, i familiari di Pamela, la donna di di Ragusa, trovata morta in Brasile. “In un momento cosi’ triste e difficile che sta attraversando la mia famiglia – dice Valeria Canzonieri, la sorella – la nostra abitazione e’ invasa solo ed esclusivamente da giornalisti. Nulla da dire per chi lavora, ma chiediamo di rispettare il nostro silenzio dettato da un dolore incolmabile. Abbiamo ricevuto il cordoglio da tutto il mondo. Telefonate da piu’ parti del globo che ci hanno espresso la loro vicinanza per un dramma che ci ha colpito all’improvviso. Mi dispiace non aver ricevuto un attestato di vicinanza dallo Stato italiano. Mia sorella era un’italiana che lavorava all’estero. Ci saremmo aspettati una telefonata da un rappresentante dello Stato. Invece nulla. Neanche del nostro Premier, Matteo Renzi che si dichiara vicino agli italiani. Caro Renzi la sensibilita’ di un politico ad alti livelli come e’ Lei, si vede anche dalla vicinanza che Lei offre a chi soffre e a chi e’ in difficolta’. Noi lo siamo”. Valeria Canzonieri racconta anche il dramma di non sapere come fare per riportare in Italia il corpo della sorella perche’ nessuno da’ indicazioni. “Caro Renzi – prosegue – la nostra e’ una famiglia per bene. Hanno provato ad infangare la memoria di Pamela, ma mia sorella era stimata da tutti, anche in Brasile dove lavorava onestamente. Un’altra italiana emigrata all’estero perche’ in Italia non trovava lavoro. Ci sentiamo bloccati. Dal Consolato nessuna indicazione su come ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-20By Redazione
    4 months ago
  • Cose che non capisco e cose fin troppo evidenti…
    Alla fine Patron Guarducci non parteciperà alla prossima edizione di ChocoModica e, quindi, la kermesse modicana non farà più parte del circuito Eurochoccolate. La fonte ufficiale di Palazzo S. Domenico ha attribuito questo fatto alla volontà dell’imprenditore perugino di non accettare le condizioni imposte dal Sindaco, ma alcune testate giornalistiche parlano di frizioni legate al mancato pagamento, da parte del Comune, di quanto dovuto per le prestazioni offerte da Eurochoccolate durante la scorsa edizione di ChocoModica e per la partecipazione della città ad Expò. In ogni caso, sembra evidente che il motivo di questo divorzio è legato alle difficoltà economiche dell’ente modicano, ormai manifestamente incapace di onorare i suoi impegni o di assumerne altri, a tal punto da prevedere l’organizzazione della “sagra” del cioccolato “a costo zero”, puntanto esclusivamente su risorse locali. A tal proposito, però, l’amministrazione comunale ha diramato un comunicato stampa per precisare che, nonostante l’entità modesta degli investimenti, anche quest’anno saranno garantiti contenuti di alto livello ed una adeguata considerazione mediatica. A questo punto, però, sorge spontaneo chiedersi: ma se si può fare un evento di massimo livello senza spendere una lira, implicitamente sostenendo che non abbiamo bisogno di Guarducci e di Eurochoccolate, perchè abbiamo speso, negli ultimi tre anni e per lo stesso prodotto, una somma che oscilla tra i 600.000 e i 750.000 euro? Come mai proprio adesso l’amministrazione si accorge di potere realizzare un evento di primissimo ordine, senza dovere pagare un euro a Guarducci nè ad altri? Cosa è stata questa, una folgorazione ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-20By Antonio Ruta
    4 months ago
  • La Politica è l’arte del possibile o semplice contrapposizione?
    La politica, oltre che l’arte di governare le società, spesso, mediante il confronto delle idee, si è caratterizzata per rendere possibile ciò che al suo esterno appariva irrealizzabile. Negli ultimi tempi, la sua progressiva degenerazione per la colpevole opera dei suoi addetti, la fa apparire come palcoscenico della contrapposizione e delle esternazioni disarticolate dei soggetti politici che stanno ottenendo solo il risultato del disamore e d’una crescente antipatia verso di loro che invece dovremmo, in presenza d’un diverso atteggiamento, riconoscere quali nostri rappresentanti democratici. Da molti mesi a Modica, il decreto che prevede la soppressione di alcuni tribunali, in risposta all’esigenza di contenimento della spesa pubblica, ha prodotto una serie d’interventi politici , che pur dicendo il più delle volte la stessa cosa circa il dissenso per la soppressione, sono rimaste le esternazioni dei singoli uomini politici che ad oggi nessun risultato concreto hanno ottenuto, tant’è che da mesi è ufficiale la decisione della sua soppressione. Se la politica fosse ancora l’arte del possibile, di fronte ad una questione che a giudicare da tutti gli interventi dei diversi uomini politici è unanime la posizione di dissenso alla scomparsa di questo presidio di legalità, non si sarebbero dovute superare le stupide concezioni di appartenenza partitica e creare una forza consistente che con una sola voce argomentasse le ragioni del mantenimento del tribunale di Modica ? Tutti gli interventi fin qui realizzati, seppur autorevoli, hanno determinato lo stesso rumore d’una noce in un sacco; non è sufficiente questo risultato per persuadere chi ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-19By Giombattista Ballaro'
    4 months ago
  • Ragusa, lunedì ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri: celebrazione a Ragusa
    Lunedì 21 novembre 2016, alle ore 11:00, a Ragusa, presso la Chiesa  di San Francesco d’Assisi, Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Carmelo CUTTITTA Vescovo di Ragusaofficerà la solenne Celebrazione Eucaristica nella ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Celeste Patrona dell’Arma e del 75° anniversario della “Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”. Alla cerimonia, organizzata dal Comandante Provinciale Ten. Col. Federico Reginato, sono state invitate le massime autorità civili, militari e religiose della provincia, gli Ufficiali, i Marescialli, i Brigadieri, gli Appuntati e i Carabinieri, unitamente alle Associazioni Combattentistiche delle varie Armi, nonché le vedove e gli orfani dell’Arma. Durante la cerimonia verrà recitata la “Preghiera del Carabiniere”, mentre il Comandante Provinciale terrà una breve allocuzione rievocativa e, al termine, sarà intonato da parte di tutti i presenti e dal coro parrocchiale l’“Inno alla Virgo Fidelis”. La Vergine Maria fu proclamata Patrona dell’Arma, con il titolo di “Virgo Fidelis”, nel 1949, da Papa Pio XII, il quale, ispirandosi al motto dei Carabinieri “Nei secoli fedele”, ne fissava la celebrazione proprio il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della Battaglia di Culqualber, fatto d’armi in cui l’eroismo, fino alla morte, del 1° Battaglione Carabinieri Reali mobilitato in Africa Orientale, composto da due Compagnie Carabinieri, che valse alla Bandiera dell’Arma la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare. The post Ragusa, lunedì ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri: celebrazione a Ragusa appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-19By Redazione
    4 months ago
  • Vittoria, merce contraffatta: Due extracomunitari denunciati dalla Polizia. Più di 300 articoli sequestrati
    Più di 300 articoli di merce contraffatta tra cui dvd di film in prima visione nei cinematografi italiani e cd con le recensioni in campo musicale, privi del marchio SIAE ed oltre un centinaio di giubbini e scarpe riportanti i loghi dei marchi più costosi presenti sul mercato, tutto ovviamente contraffatto. I Poliziotti del Commissariato di Vittoria hanno bloccato due extracomunitari di origine marocchina, rispettivamente di 32 e 29 anni, il primo con precedenti penali, il secondo mai censito in Italia, entrambi irregolari. La merce è stata sequestrata, i due marocchini sono stati sottoposti ai rilievi fotosegnaletici di Polizia Scientifica e nei loro confronti è stato avviato l’iter previsto per l’espulsione dal territorio nazionale. Inoltre sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di detenzione di merce contraffatta per la successiva vendita. The post Vittoria, merce contraffatta: Due extracomunitari denunciati dalla Polizia. Più di 300 articoli sequestrati appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-19By Redazione
    4 months ago
  • Ragusa, circonvenzione di incapace e furto: Carabinieri arrestano Roberto Scotton
    In mattinata i Carabinieri della Stazione di Ragusa hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Ragusa, nei confronti di SCOTTON Roberto, 61enne ragusano, ritenuto responsabile dei reati di circonvenzione di incapace e furto aggravato nei confronti di una signora anziana gravemente malata, sola ed ipovedente. L’attività di indagine è nata dalla segnalazione di una vicina di casa della signora che, nel mese di marzo, ha attivato i servizi sociali del Comune di Ragusa denunciando lo stato di indigenza e scarsa pulizia della casa in cui viveva la signora. Gli assistenti sociali intervenuti hanno riscontrato la totale assenza di igiene della persona e degli ambienti ed hanno effettivamente constatato che, nonostante la signora percepisse mensilmente una pensione di 1.000,00 euro non aveva di fatto neanche pochi euro per fare la spesa quotidiana, per cui hanno richiesto l’intervento della Stazione CC di Ragusa. I militari, sin da subito, hanno verificato che la pensione della signora era stata sempre regolarmente riscossa presso l’ufficio postale e che l’unica persona con cui la signora aveva contatti era lo Scotton, che abita nello stesso quartiere della signora e che quotidianamente la andava a trovare. L’uomo, già noto ai servizi sociali quale alcolista, frequentava la casa della donna da almeno due anni nelle ore serali e, approfittando dello stato di abbandono e solitudine patito dalla signora, era riuscito ad instaurare con lei un rapporto di fiducia, ai limiti della “dipendenza psicologica”, riuscendo perfino a farsi ospitare nella stessa casa. Inoltre, ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-19By Redazione
    4 months ago
  • Pozzallo, Polizia ferma fermato 2 scafisti responsabili di aver condotto 2 gommoni, uno di loro è minorenne
    La Polizia a seguito di questo nuovo sbarco, ha raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico di: PRIEYE Williams, nato in Nigeria il 22/08/1990 e  T.I. nato in Gambia di 17 anni. Secondo i testimoni sono loro che hanno condotto le imbarcazioni partite dalle coste libiche. I responsabili del delitto previsto dall’art. 12 D.Lgs.vo 25.7.1998 nr. 286, concorrevano con altri soggetti presenti in Libia al fine di trarne ingiusto ed ingente profitto, compiendo atti diretti a procurare l’ingresso clandestino nel territorio dello Stato di cittadini extracomunitari. Il delitto è aggravato dal fatto di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.   I migranti provenienti dal centro Africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. MODALITA’ DI SOCCORSO IN MARE Tra il 15 ed il 16 novembre scorsi, la motonave “TOPAZ RESPONDER” effettuava cinque soccorsi in acque SAR libiche di altrettanti natanti con migranti a bordo. In particolare, alle ore 17,35 del 15/11/2016, in posizione un gommone di colore bianco con 99 migranti a bordo che venivano trasbordati. Alle successive ore 19,05, imbarcazione con a bordo 22 migranti che venivano recuperati e ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-19By Redazione
    4 months ago
  • La Polizia ha effettuato controlli antidroga nelle scuole di Ragusa: segnalato giovanissimo di appena 14 anni con spinelli nelle mutande
    La Polizia di Stato – Squadra Mobile – durante i controlli di routine all’interno ed all’esterno degli istituti scolastici di Ragusa ha individuato un giovane di appena 14 anni con due spinelli già confezionati. Per questi fatti il ragazzo è stato segnalato alla Prefettura di Ragusa, dove a breve sarà convocato per l’inizio del percorso previsto dall’Ufficio Territoriale del Governo. La droga è stata rinvenuta da “Argo” – il cane poliziotto delle Unità Cinofile in forza alla Questura di Catania – negli slip di un ragazzo che frequenta un liceo di Ragusa. Il resto è stato sequestrato a carico di ignoti all’interno di un istituto professionale, in quanto durante i controlli effettuati in alcune classi, da altre aule hanno gettato dalla finestra delle bustine con marijuana. Sicuramente la droga gettata dalla finestra era destinata ad un uso personale in quanto si tratta di più dosi, ma sempre in modica quantità, trovate nel cortile, proprio sotto le finestre delle aule. I giovani, avendo notato che in alcune classi c’erano i cani delle unità cinofile della Polizia di Stato all’opera, hanno preferito disfarsi di quanto detenuto per uso personale. I ragazzi che frequentano l’aula interessata dal disfacimento delle dosi di marijuana sono stati ascoltati sul posto dagli agenti della Squadra Mobile che hanno osservato tutto, ma non hanno voluto riferire nulla sulla provenienza e su chi l’avesse gettata. Il dirigente scolastico così come gli insegnanti sono stati informati, mostrando, come sempre, piena collaborazione con la Squadra Mobile. Adesso valuteranno se da ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-18By Redazione
    4 months ago
  • La Polizia ha arrestato uno dei destinatari albanesi del mandato di cattura nell’ambito dell’operazione “BLADE”, era armato e pronto a far fuoco
    La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Modica – ieri ha proceduto all’esecuzione di 14 delle 17 misure cautelari in carcere così come già ampiamente descritto. Ieri, uno dei destinatari del mandato di cattura, PRENCE Odise di origini albanesi, veniva scovato, grazie alle attività d’indagine della Squadra Mobile e del Commissariato di Modica, nel comune di Marino (RM). I continui contatti con gli uomini della Polizia di Stato della Sezione investigativa del locale Commissariato di Marino, hanno permesso di trovare riscontro sul territorio romano per l’individuazione del catturando. I poliziotti che dovevano ricercare il soggetto albanese destinatario della cattura erano stati informati dagli investigatori iblei della pericolosità del catturando. Sin dalla notte dell’esecuzione, Prence aveva cambiato appartamento, abitudine che aveva anche durante il periodo in cui era intercettato poiché temeva che la Polizia lo potesse arrestare da un momento all’altro. Nonostante il tentativo di sfuggire alla cattura, Prence veniva individuato grazie alla conoscenza del territorio dei poliziotti di Marino (RM). Giunti presso la nuova abitazione, i poliziotti cinturavano la zona, conoscendo la pericolosità del soggetto da catturare. Non appena davanti la porta dell’appartamento, si procedeva al blitz che doveva essere rapido e d’impatto per evitare reazioni del catturando. In pochi secondi all’intero della casa c’erano 8 poliziotti che lo bloccavano; la perquisizione dava esito positivo, l’uomo era in possesso di una pistola, modello revolver, pronta a far fuoco e con decine di munizioni a disposizione. Dagli accertamenti informatici presso la banca dati delle armi da sparo, ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-18By Redazione
    4 months ago
  • Porto di Pozzallo, arrivo della nave “TOPAZ RESPONDER” con a bordo 552 migranti
    Nel pomeriggio del 17 novembre è giunta al porto di Pozzallo la nave “TOPAZ RESPONDER” con a bordo 552 migranti, così distinti 383 uomini, 78 donne e 91 minori, di cui 70 non accompagnati, in prevalenza di origine subsahariana e provenienti dai seguenti Paesi: Nigeria, Libia, Blangadesh, Sudan, Gambia, Costa d’Avorio, Senegal, Mali, Siria e Tunisia. Le operazioni di sbarco avviate alle ore 15.30 nell’area portuale di Pozzallo e concluse nella tarda serata sono state particolarmente complesse in relazione all’elevato numero dei migranti e per le condizioni meteorologiche particolarmente avverse.  Le attività di primo soccorso ed assistenza ai migranti, coordinate dalla Prefettura di Ragusa, sono state prestate dagli operatori della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, del Corpo della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto, del Comune di Pozzallo, dell’USMAF, dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa, con il concorso di personale del Servizio provinciale di Ragusa del Dipartimento Regionale della Protezione Civile, della Croce Rossa Italiana, e delle Organizzazioni umanitarie non governative (Emergency, UNCHR, OIM, Save The Children, Terre des Hommes, Medu). Tutti i migranti giunti nel pomeriggio di ieri sono stati sottoposti alle prime verifiche e cure sanitarie da parte del personale medico presente e nella stessa serata 250 sono trasferiti, previo espletamento delle procedure di identificazione e fotosegnalamento all’interno del locale hotspot, nelle strutture di accoglienza delle regioni Campania, Piemonte, Calabria, Veneto ed Emilia Romagna, in conformità a specifiche direttive del Ministero dell’Interno, laddove i rimanenti sono stati accolti presso la locale struttura sita nell’area ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-18By Redazione
    4 months ago
  • La signora Maria, vittima dei tagli sanitari
    Maria Iemmolo, commerciante modicana, dopo l’ennesimo intervento, ha deciso di raccogliere le forze per farsi portavoce di una situazione che sicuramente interesserà tanti altri pazienti, colpiti dai tagli indiscriminati alla sanità e che rischiano di creare un grosso problema sociale per chi non potrà mettersi determinate tipologie di cure e di farmaci. La signora Maria è diventata una delle molteplici vittime che i continui tagli alla sanità continuano a mietere giornalmente. In seguito a un intervento chirurgico a cui è stata sottoposta alcuni anni fa, ha avuto necessità di utilizzare determinati presidi medici, indispensabili per la sopravvivenza, che fino a qualche settimana fa l’Asp le forniva gratuitamente. Poi senza alcun preavviso l’amara scoperta: a causa di tagli su scala nazionale nel suo caso e per la sua patologia non si sarebbe potuto più procedere con l’erogazione dei presidi gratuitamente. I costi che la donna modicana avrebbe dovuto affrontare tra l’altro consisterebbero in più di 300 euro al mese, spese troppo alte che non possono essere sostenute a lungo, che si aggiungono ad altre già affrontate in seguito al primo intervento. Così la signora Maria è stata costretta a sottoporsi a stomia, un’operazione invasiva e difficile da affrontare anche dal punto di vista psicologico. E oltre al danno anche la beffa: adesso avrà necessità di utilizzare un’altra tipologia di presidi che l’Asp è costretta a fornirle gratuitamente, ma anche in questo caso la signora Maria adesso incontra ulteriori difficoltà per ottenere una determinata tipologia di catetere, visto che quello che l’azienda ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-18By Giorgio Iabichella
    4 months ago
  • Ispica, riciclava pezzi di auto rubate, blitz dei Carabinieri in un’abitazione
    Ieri pomeriggio, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Modica hanno eseguito uno specifico servizio di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio sul territorio di competenza. Nello specifico, i militari dell’Arma hanno concentrato l’attenzione nei pressi di un’abitazione in cui, ultimamente, erano stati notati alcuni movimenti sospetti, in particolare un frequente via vai di persone. Dunque, dopo alcuni giorni di osservazione, i Carabinieri hanno fatto scattare il blitz ed hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ragusa per il reato di riciclaggio, S.G., classe ’63, già noto alle forze di polizia. Infatti, i militari dell’Arma hanno fatto irruzione all’interno dell’abitazione dell’uomo e, in un casolare di pertinenza, hanno trovato numerose parti meccaniche e di carrozzeria di diverse autovetture. I pezzi trovati dai Carabinieri, sono risultati appartenere ad alcune autovetture rubate tra i mesi di settembre e novembre in provincia di Catania, ed erano suddivisi tra parti meccaniche e di carrozzeria all’interno del casolare e sono stati tutti sottoposti a sequestro. Nella stessa circostanza, i militari dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato anche numerosi attrezzi e materiali da lavoro per i quali sono in corso degli accertamenti per verificarne l’effettiva provenienza. Intanto proseguono le indagini dei Carabinieri che stanno accertando la destinazione finale dei pezzi delle auto rubate ed anche la loro provenienza, che non si esclude possa rientrare in un traffico illecito più ampio di parti di auto. The post Ispica, riciclava pezzi di auto rubate, blitz dei Carabinieri in ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-17By Redazione
    4 months ago
  • Alberi di Natale “ecologici”, l’appello di FareVerde Vittoria
    L’associazione di Protezione Ambientale Fare Verde Vittoria rilancia, come ogni anno, un appello alle famiglie, nonchè a tutte le Agenzie Educative (in primis le scuole), a non utilizzare alberi “veri” durante le prossime festività natalizie, ma a preferire quelli sintetici o meglio realizzati con materiale riciclato che sono riutilizzabili più volte. “Purtroppo – dichiarano gli ambientalisti- anche per questo Natale prevediamo una vera e propria “strage” che vedrà vittime, migliaia di abeti vivi ridotti a merce “usa e getta”, prima agghindati con addobbi natalizi e poi, terminate le feste, gettati nei cassonetti dell’immondizia. Questa logica consumistica ha generato una moda volgarmente utilitaristica, irrispettosa della Natura, e del significato stesso del Natale; basti riflettere sui milioni di alberi inutilmente coltivati e “cestinati” dopo l’Epifania”. Quest’anno FareVerde ha presentato all’Amministrazione Comunale di Vittoria un progetto per la realizzazione di un Albero Ecologico Cittadino, ottenuto dall’utilizzo di migliaia di bottiglie di plastica, da reperire attraverso il coinvolgimento di Scuole e cittadini.  “A prescindere da chi lo realizzerà -conclude la nota- per noi questa è la via maestra,  per diffondere dal basso la Coscienza Ecologica alle nuove generazioni. Un messaggio forte nel segno della discontinuità con il passato, di Vero Rispetto dell’Ambiente, implementando la Cultura della Sostenibilità con azioni concrete, attraverso il Riciclo e il Riutilizzo, concetti essenziali per l’avvio “vincente” della Raccolta Differenziata”. The post Alberi di Natale “ecologici”, l’appello di FareVerde Vittoria appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-17By Salvo Vassallo
    4 months ago
  • Sbarco di 554 Migranti a Pozzallo, hotspot in difficolta’
    Riprendono gli sbarchi a Pozzallo. Sono 554 i migranti su nave ‘Responder’ dell’ong Moas, con a bordo personale di Emergency. Messi in salvo in cinque operazioni di recupero, non sono stati segnalati casi clinici di particolare entita’. Attivate le procedure di accoglienza per l’approdo di questo pomeriggio. Le nazionalita’ dichiarate sono Bangladesh, Nigeria, Libia, Gambia, Costa d’Avorio, Senegal, Mali, Sudan, Tunisia. Tra loro 12 bambini e 90 donne. Al centro di prima accoglienza stamattina c’erano 215 presenze con almeno 150 minori. La previsione e’ di trasferire, dopo lo sbarco, 400 migranti. Intanto, poiche’ il centro e’ gia’ oltre la capienza massima, sono state posizionate le tende nel piazzale della citatdina interessata da una pioggia abbondante. The post Sbarco di 554 Migranti a Pozzallo, hotspot in difficolta’ appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-17By Redazione
    4 months ago
  • Acate, Carabinieri sorprendono con oltre 300 kg d’uva Crocifisso Curvà
    Prosegue a ritmi sostenuti il controllo del territorio nella giurisdizione della Compagnia di Vittoria, in particolare nelle aree rurali e di campagna, al fine di prevenire e reprimere qualsiasi tipologia di reato, specie quelli di natura predatoria. Nel corso della tarda serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Acate (RG), nel corso del pattugliamento in Contrada Fossati, hanno sorpreso un uomo che transitava con la propria autovettura carica di uva da tavola: da immediati accertamenti esperiti dai militari, si è appurato che la merce era stata illecitamente sottratta, poco prima, in un’azienda agricola di Mazzarrone (CT). Per Curvà Crocifisso, 40enne gelese, è scattato l’arresto. La frutta trafugata, oltre 300 chilogrammi di uva da tavola “Black Globe”, è stata subito restituita all’imprenditore agricolo, mentre l’arrestato, al termine delle formalità di rito espletate presso la caserma di via Galileo Galilei, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott. Gaetano Scollo, dinanzi al quale dovrà rispondere del reato di furto aggravato. Proseguiranno, anche nei prossimi giorni, analoghi controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Vittoria in tutto il territorio di competenza. The post Acate, Carabinieri sorprendono con oltre 300 kg d’uva Crocifisso Curvà appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2016-11-17By Redazione
    4 months ago
(Visited 247 times, 1 visits today)