La Spia

Monreale, Sicily

La Spia – contro ogni forma di mafia

  • Io non ringrazio, grazie!
    Per diversi giorni mi è capitato di non postare commenti politici su facebook, limitandomi solo a pubblicare qualche versaccio brutto, retaggio della furia adolescenziale e che io assecondo per non sentirmi pesare addosso gli anni della maturità. E’ capitato, poi, che ho scritto un post sulla notizia, comunicata dall’on. Minardo, in merito allo scongiurato declassamento dell’ospedale di Modica. A dimostrazione di quello che ho postato, di seguito voglio riproporre il testo del mio commento: “Apprendo con piacere la notizia sul riverement delle istituzioni in materia del declassamento dell’Ospedale di Modica. L’on. Minardo si è impegnato in tal senso e gli va dato atto (anche se in molti, stranamente, fanno i complimenti e i ringraziamenti ad Ignazio Abbate).  Ad ogni modo, si comprende che ancora il percorso è lungo e che non bisogna dare nulla per scontato. Inoltre credo sia importante sottolineare che se vogliamo una struttura di primo livello dobbiamo anche garantire i servizi e le risorse di primo livello, per cui occorrono fondi per ristrutturare tutti i reparti sia dal punto di vista tecnico che sul piano del personale e puntare alla creazione di servizi di eccellenza. Altrimenti non abbiamo fatto un bel nulla. Spero, inoltre, che la scelta di non declassare l’ospedale non sia solo una cosa temporanea, in vista delle imminenti elezioni regionali (ottobre) e possibili elezioni nazionali (si parla di giugno). #piùservizi#piùqualità#piùsalute A questo post hanno risposto criticamente due amici, i quali hanno parlato di antipatie personali verso il sindaco, di asce di guerra, di ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-29By Antonio Ruta
    2 months ago
  • Modica, Polizia denuncia 65enne per aver forato le gomme di un camion
    Nella giornata odierna, a Modica, la Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà, per danneggiamento aggravato, un cittadino italiano, R.G., di anni 65. A seguito di querela della vittima, la Polizia di Modica avviava un’attività d’indagine che portava, in breve tempo, ad identificare l’autore del reato. Il denunciato, da tempo in lite con il cittadino straniero, veniva ripreso dalle telecamere di un esercizio commerciale di Modica Alta nell’atto di forare le gomme del camion di quest’ultimo, salvo poi allontanarsi con il favore dell’oscurità. Tale camion veniva normalmente usato dallo straniero per svolgere la sua attività professionale. Le denunce sporte dalle persone vittime di tali danneggiamenti, che al momento possono sembrare non rilevanti, aiutano la Polizia di Stato nel monitoraggio dei fenomeni criminosi ed a perseguire penalmente gli autori del reato, anche al fine di scoraggiarne la reiterazione. The post Modica, Polizia denuncia 65enne per aver forato le gomme di un camion appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-28By Redazione
    2 months ago
  • Mafia e mafie nel 2016, analisi del Rapporto della Dia (a cura di Salvatore Calleri)
    Come di consueto il rapporto semestrale della DIA ci permette di analizzare l’evolversi della criminalità organizzata nelle sue varie forme. In particolare oggi mi interessa capire come si muove cosa nostra, le cui dinamiche non vanno mai sottovalutate. Cosa nostra si conferma “un’organizzazione criminale fortemente strutturata, avente un proprio ordinamento, un vasto bacino di reclutamento ed elevate potenzialità offensive”. Una cosa molto interessante che emerge è che in cosa nostra di Palermo e provincia “si registra un acutizzarsi dell’insofferenza verso il potere esercitato dalla frangia corleonese, in passato garanzia di massima coesione verticistica e la cui autorità, sebbene spesso criticata, finora non era mai stata apertamente messa in discussione” Inoltre non si può non notare quanto scritto in relazione a cosa nostra del trapanese la quale “presenta connotazioni di maggiore coesione e impermeabilità e, piu’ che altrove, sembra conservare un modello organizzativo compatto” retto da Messina Denaro e con una notevole capacità di condizionamento ambientale. La DIA rileva pure che le cosche del trapanese “sembrano aver aumentato la propria influenza nel palermitano e in genere, nella complessiva governance” di cosa nostra. Per cosa nostra il carcere rimane “un rischio di impresa”  previsto e che è alla base dell’essere mafioso. Al contrario il togliere i beni inficia il prestigio dell’organizzazione. La relazione della DIA ha evidenziato poi “l’attivismo di una vasta area grigia – composta da taluni imprenditori, professionisti, esponenti della politica o pubblici funzionari – che concorre… al successo delle strategie mafiose”. L’aspetto tradizionalmente estorsivo di cosa nostra rimane comunque ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-28By Salvatore Calleri
    2 months ago
  • Cinque arresti dei Carabinieri, droga sull’asse Ragusa-Siracusa
    L’operazione che ha portato all’arresto di cinque soggetti, è stata illustrata da Edoardo Cetola, comandante della compagnia dei Carabinieri di Modica. “L’operazione è stata condotta dai carabinieri Pozzallo e Marina di Modica, rientra in un servizio di contrasto alle sostanze stupefacenti: una quarantina in un anno gli arresti solo a Pozzallo legati agli stupefacenti. Anche questa volta si tratta di ragazzi giovanissimi, tra loro anche un minorenne. Cinque gli arrestati, in questa operazione, tutti a bordo di una autovettura, sono stati notati da una pattuglia in borghese e visto che alcuni dei soggetti erano già conosciuti, è stato un motivo di sospetto”. Poi il pedinamento e una manovra azzardata per evitare il congtrollo. “A seguito di perquisizione veicolare e personale rinvenuti 20 grammi di cocaina già suddivisa in involucri, venti grammi di marijuana, oltre 700 euro in contati e provento e 11 banconote da venti euro false. La sostanza sottoposta a sequestro verrà trasmessa al laboratorio analisi di Ragusa. Tre degli arrestati in attesa di convalida sono stati tradotti a Siracusa perché il controllo è avvenuto sulla Modica Rosolini in territorio di Siracusa; la ragazza è stata trasferita al carcere femminile di piazza Lanza a Catania. Il minore è stato condotto al centro di prima accoglienza per minori di Catania”. Il luogotenente Antonello Spadaro, comandante stazione Pozzallo, con il maresciallo Giuseppe Agricola comandante stazione Marina di Modica, hanno specificato che “due dei soggetti alla fine del 2016 erano stati arrestati in altre operazioni ma una volta tornati liberi si sono ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-28By Redazione
    2 months ago
  • Operazione “Hot line”: Polizia disarticola gruppo criminale di Comiso dedito ai furti di cavi Telecom, furti in abitazione e armi
    La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Comiso – ha tratto in arresto, su esecuzione del provvedimento di cattura emesso dal GIP presso il Tribunale di Ragusa su richiesta della Procura della Repubblica, per i reati di furto aggravato e incendio, fatti commessi in concorso tra loro, D’Angelo Andrea nato a Comiso 03.11.1987, Verzeroli Jacopo nato a Como il 14.071981 e D’Amanti Fernando nato a Comiso il 02.07.1982. L’indagine portata termine dalla Polizia di Stato ha avuto inizio a seguito delle due complesse operazioni denominate “Alta Tensione” 1 e 2 che hanno permesso di ridurre quasi del tutto i furti di cavi di rame per la conduzione dell’energia elettrica ai danni dell’Enel. In occasione delle due importanti operazioni, i dirigenti del settore sicurezza di Telecom spa, contattavano gli uffici della Questura di Ragusa al fine di chiedere uno specifico intervento a tutela delle linee telefoniche ed in particolar modo degli utenti, spesso proprietari di aziende del settore agroalimentare e zootecnico della provincia di Ragusa che subivano ingenti danni alle loro attività. L’esame del fenomeno criminale dei furti di rame ai danni di compagnie di fornitura di energia elettrica era già ampiamente conosciuto, di contro quello dei cavi per linee telefoniche non era ancora stato studiato in modo approfondito. Un esame approfondito di tutti i reati subiti dalla Telecom ha permesso agli investigatori di concentrare i propri sforzi investigativi nel territorio di Comiso, dove, grazie alla collaborazione del gestore telefonico e quindi l’installazione di diverse ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-28By Redazione
    2 months ago
  • Vittoria, fa irruzione in Comune e spacca due porte: arrestato dalla Polizia Vittorio Latino
    Alle 11.45 di ieri LATINO Vittorio, 29 anni, pluripregiudicato per reati contro la persona, il patrimonio, in materia di stupefacenti e già sorvegliato speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno, si è presentato a “Palazzo Iacono” in stato di agitazione, è riuscito a salire sino al piano degli Uffici nonostante avessero tentato di impedirglielo l’uscire ed un’Agente di Polizia Municipale e gli fosse stato spiegato come fare per essere ricevuto dal Sindaco col quale richiedeva di volere parlare per ottenere un lavoro. Nonostante i tentativi coi quali gli agenti e gli impiegati comunali hanno cercato di riportarlo alla calma, ha scagliato una sedia contro una porta e scardinato un’anta. Sul posto è stato richiesto l’intervento della Volante del Commissariato di Polizia di Vittoria. “Oggi mi fazzu attaccari” gridava l’energumeno che con l’arrivo dei poliziotti a dare ausilio agli agenti della municipale si è riusciti a bloccare, ma a quel punto ha cercato di procurarsi lesioni sbattendo il capo contro lo spigolo di una parete. In tale frangente uno dei poliziotti proprio al fine di impedire che LATINO si spaccasse la testa si è interposto e si è procurato una lesione alla mano che i medici del pronto soccorso hanno prognosticato guaribile in cinque giorni. Portato in Commissariato, dopo le procedure di compiuta identificazione, LATINO Vittorio è stato tratto in arresto per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali e danneggiamento di beni pubblici, poi, come disposto dal s. Procuratore della Repubblica dr. Francesco Riccio, è ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-28By Redazione
    2 months ago
  • Stati Uniti d’Europa…una necessità! (di Salvatore Calleri)
    Gli Stati Uniti D’Europa sono oramai una necessità. Il momento storico è indubbiamente un momento particolare ed il 2017 si preannuncia come un anno geopoliticamente interessante. Da un lato abbiamo Trump che ridefinisce il ruolo degli Stati Uniti D’America in chiave protezionista-isolazionista. Dall’altro la Cina come principale soggetto global con un ruolo sempre piu’ riconosciuto dalla comunità internazionale. In mezzo c’è la Russia di Putin che è ritornata al centro della scena dopo un quarto di secolo. Siamo quindi di fronte ad una sorta di triarchia. E l’Europa? L’Unione Europea in questo contesto per come ha scelto di essere strutturata appare inadeguata alla situazione geopolitica in un momento in cui potrebbe essere al contrario un quarto soggetto in grado grazie alle proprie capacità ed alla maggiore indipendenza di ritagliarsi una leadership politica di primaria importanza anche nei confronti della triarchia. Una UE non adeguata è destinata a soccombere in questo scenario… Ed in caso di soccombenza rimane solo una strada: creare al piu’ presto gli Stati uniti D’Europa. Un solo esercito, una moneta vera, una politica fiscale unica, un welfare condiviso, una sicurezza unica in una diversità di Stati legati tra loro. Se non si vuole essere schiacciati dalla triarchia questa è la via maestra. I singoli nazionalismi non ci portano da nessuna parte se non all’indebolimento di chi li propugna, oltre ad essere antistorici. Al contrario un solo nazionalismo oggi è utile: quello europeo. The post Stati Uniti d’Europa…una necessità! (di Salvatore Calleri) appeared first on .: La Spia ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-27By Salvatore Calleri
    2 months ago
  • Paola (Cs), grave episodio alla scuola “Pizzini”, gli studenti protestano contro la Guardia di Finanza
    Quel che è successo una settimana fa all’istituto Pizzini di Paola è un fatto grave, sintomatico di una società che ha disgregato i suoi valori, peggio ancora se accade in una Calabria dove la ‘ndrangheta e la malavita controllano ogni cosa, dove la magistratura ammanetta solo i pesci troppo grandi o troppo piccoli, lasciando libero il cuore pulsante della criminalità che è il famigerato “mondo di mezzo”, fatto di tanti boss in giacca e cravatta, spesso seduti dietro le scrivanie che contano. Una settimana fa, in quel di Paola, è successo che gli studenti hanno manifestato e fin qui non ci sarebbe nulla di male se non fosse per il motivo che ha fatto di Graziano Di Natale un facile bersaglio. Al presidente facente funzioni della Provincia di Cosenza, la competenza scolastica verte unicamente sugli istituti superiori, ancora era venuto in mente di adibire un’ala della struttura a caserma di Guardia di Finanza. Negli ultimi anni gli studenti della ragioneria erano passati da un migliaio a poco più di trecento, cosicché una parte dell’istituto è rimasto per lungo tempo inutilizzato. Oltretutto a Paola, come del resto l’intera area dell’alto Tirreno cosentino, si concentra un’alta percentuale relativa allo spaccio di stupefacenti, gran parte consumati tra le mura della scuola, e impiantare un presidio di legalità a pochi metri potrebbe servire a contrastare l’inarrestabile fenomeno. Ma la scuola Pizzini non è d’accordo. “Qui le Fiamme Gialle non entrano”, si leggeva in un cartellone, come lo si scrive dei malavitosi che turbano e ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-27By Francesca Lagatta
    2 months ago
  • La prospettiva Europea nell’era Trump
    Malgrado Donald Trump, 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, in tutti i sondaggi continui a registrare la percentuale più bassa di gradimento – 40% – rispetto ai suoi predecessori, il 20 gennaio si è insediato. Trump, uno degli uomini più ricchi d’America, per i prossimi quattro anni sarà al comando di uno degli Stati più potenti al mondo. Perchè l’Europa sta tremando di paura come non era mai successo prima? Esiste un allarme davanti allo tsunami che gli europei ritengono si stia avvicinando, uno tsunami denominato: Donald Trump? Le Autorità europee in pratica sono atterrite per 5 cose che ha detto o che sono implicite con l’arrivo di Trump. Uno: l’ Organizzazzione del Trattato dell’Atlantica Nord (NATO), il sistema di difesa militare che agli europei ha dato la sensazione di sentirsi unici, protetti e forti, di fronte alla minaccia esterna, di fronte all’Unione Sovietica, alla Cina ed adesso di fronte alla possente Russia, uno scudo protettivo che potrebbe sparire.Questo perchè Trump minaccia l’integrità della famosa Alleanza Atlantica e perchè  potrebbero cambiare le cose completamente, per una semplice ragione: gli USA comandano nella NATO, perchè pagano e ne sostengono i costi, circa il 70% di  tutte le spese militari dell’Esercito comune europeo, se loro si sottraggono, la NATO cade “come una pera”.Ciascuno rimarrebbe  con il proprio esercito. Due: il “Brexit“, il potenziale del Regno Unito si è dissolto, ha divorziato dall’Europa, la sua economia, la sua forza militare, il suo peso politico mondiale già non fa più parte dell’Europa Unita, l’isola della Gran Bretagna, ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-27By Giombattista Ballaro'
    2 months ago
  • Vittoria, rapina ad un bar tabacchi della Stazione: indagini della Polizia
    Alle 20.45 di ieri su segnalazione al 113 la Volante del Commissariato di Polizia di Vittoria è intervenuta presso il bar della stazione ferroviaria per rapina. Il titolare dell’esercizio pubblico, un vittoriese di 30 anni, ha riferito agli Agenti che poco prima un individuo col volto travisato era entrato all’interno del bar ed aveva esploso un colpo di pistola in aria, si era diretto verso di lui e gli aveva intimato di consegnare i soldi. Appropriatosi del bottino il malvivente si avviava verso l’uscita ed esplodeva un altro colpo di pistola in aria; una volta fuori saltava a bordo di uno scooter alla cui guida si trovava un complice ad attenderlo e si allontanavano entrambi per via Volontari della Libertà. Sul posto sono intervenute le pattuglie di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile di Ragusa oltre alla Polizia Scientifica che fino a tarda notte ha effettuato i rilievi e prelevato i due bossoli di pistola esplosi. Entrambi i colpi d’arma da fuoco sono stati indirizzati verso il soffitto e tra le persone presenti all’interno del bar al momento della violenta irruzione non si è registrato alcun ferito. Le indagini sono in corso. The post Vittoria, rapina ad un bar tabacchi della Stazione: indagini della Polizia appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-27By Redazione
    2 months ago
  • Santa Croce Camerina, arrestato spacciatore trovato con 30 grammi di hashish
    Continua l’attività antidroga della Compagnia Carabinieri di Ragusa con servizi mirati a controllare e debellare lo spaccio su tutto il territorio della Compagnia. Questa volta l’attenzione dei militari del NORM è stata rivolta alla piazza di spaccio di S. Croce Camerina dove personale in borghese ha effettuato un servizio di osservazione nel centro cittadino. I militari hanno da subito osservato degli strani movimenti e contatti tra un giovane tunisino, noto perché già gravato da numerosi precedenti per stupefacenti ed attualmente sottoposto all’obbligo di firma, ed altri ragazzi che gli si avvicinavano e poi hanno visto che lo stesso si avvicinava ad un balcone e frugava dietro ad un vaso. A quel punto i militari sono intervenuti e lo hanno bloccato. Dietro al vaso i militari hanno trovato alcune stecchette di hashish già pronte per la vendita per un totale di 30 grammi in totale. Lo spacciatore esperto le aveva nascoste sul balcone di un ignaro santacrociano al fine di non essere trovato in possesso di alcunché in caso di controlli. Il 22enne tunisino A. Z. è stato immediatamente arrestato e sottoposto ai domiciliari. The post Santa Croce Camerina, arrestato spacciatore trovato con 30 grammi di hashish appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-27By Redazione
    2 months ago
  • Acate, tratto in arresto immigrato irregolare
    Camminava tranquillamente in una via di Contrada Macconi, ad Acate, quando invece già dal 2013 pendeva su di lui un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dalla Prefettura di Trieste: sono scattate così le manette per il 28enne di origine marocchina E.A., con precedenti penali, sorpreso nel pomeriggio di ieri dai Carabinieri della locale Stazione, mentre erano impegnati nell’ambito dei servizi di controllo delle aree rurali nel territorio della giurisdizione di competenza. L’uomo stava percorrendo una strada di campagna della menzionata contrada e, alla vista dei Carabinieri, ha assunto un atteggiamento guardingo cambiando improvvisamente direzione. I militari, insospettiti, lo hanno controllato e, dalla consultazione della Banca Dati, hanno appurato l’esistenza di un provvedimento a suo carico risalente a giugno 2013: trattasi appunto di un decreto di espulsione del Prefetto triestino con annesso ordine del questore, sempre della medesima città. L’uomo, quindi, arrestato in flagranza, è stato condotto presso la caserma di via Galileo Galilei da dove, al termine delle formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, dott. Francesco Riccio, per i provvedimenti di competenza. The post Acate, tratto in arresto immigrato irregolare appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-26By Redazione
    2 months ago
  • Pozzallo, ovuli di eroina nello stomaco: arrestato nigeriano
    Un’operazione di contrasto al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti è stata portata a termine dai Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa che, nel corso di uno dei servizi specificatamente predisposti per combattere tale fenomeno criminale, nel comune di Pozzallo, hanno effettuato una serie di controlli dei soggetti in arrivo con gli autobus di linea provenienti da altre province della Sicilia. Nel corso del servizio i militari notavano scendere da uno dei numerosi autobus in arrivo un cittadino nigeriano, identificato in O.K.F. cl’69, che veniva sottoposto a perquisizione personale con esito negativo. Tuttavia, dagli accertamenti svolti tramite la Banca Dati in dotazione alle Forze di Polizia emergeva che lo stesso, nell’anno 2010, in provincia di Milano, era stato tratto in arresto poiché, nel suo stomaco, occultava oltre nr.100 ovuli contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di quasi Kg.2 e, a seguito di tale arresto, aveva poi scontato 4 anni di carcere, al termine dei quali era tornato in libertà. Visto tale precedente specifico i militari decidevano di approfondire il controllo e accompagnavano il soggetto presso l’Ospedale di Ragusa, ove veniva sottoposto a una radiografia addominale, che confermava i sospetti dei Carabinieri in quanto, osservando le lastre dei raggi, erano ben visibili nr.3 corpi estranei tondeggianti, riconducibili a degli ovuli. Con l’assistenza del personale sanitario il soggetto veniva quindi messo in condizioni di espellere tali ovuli, che contenevano gr.40 di sostanza stupefacente del tipo eroina che, se opportunamente tagliata, avrebbe consentito di ricavare circa nr.100 dosi ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-26By Redazione
    2 months ago
  • Vittoria, trovato cadavere in un pozzo: è il 43enne Giovanni Giannì. Indagini della Polizia
    E’ di Giovanni Giannì, 43enne incensurato, il cadavere dell’uomo ritrovato in un pozzo a Vittoria, in contrada Mazzara. Sul posto la Squadra Mobile della Polizia di Stato ed i vigili del fuoco allertati per il recupero The post Vittoria, trovato cadavere in un pozzo: è il 43enne Giovanni Giannì. Indagini della Polizia appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-25By Redazione
    2 months ago
  • Vittoria, evade dai domiciliari: 26enne arrestato dai carabinieri
    Era a bordo di un’autovettura transitando tranquillamente in una via di del centro marittimo di Scoglitti, quando invece doveva trovarsi agli arresti domiciliari: sono scattate così le manette per il 26enne pregiudicato I. N., vittoriese, “pizzicato” nella tarda mattinata di ieri dai Carabinieri della locale Stazione e da quelli dell’Aliquota Radiomobile, mentre erano impegnati nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dal Comandante Provinciale di Ragusa finalizzati alla repressione dei reati contro il patrimonio, nella giurisdizione di competenza. L’uomo, già noto ai Carabinieri che lo avevano arrestato in passato per analoghe violazioni, stava percorrendo una via del centro cittadino, quando una pattuglia di militari lo ha riconosciuto. Il giovane ha tentato di accelerare ma è stato immediatamente fermato. Considerata l’assenza dal domicilio e il mancato rispetto delle prescrizioni inerenti la misura alternativa alla detenzione carceraria, il pregiudicato, al termine delle formalità di rito espletate presso la caserma di via Plebiscito, è stato nuovamente sottoposto ai domiciliari, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, dott. Francesco Riccio, per i provvedimenti di competenza, dinanzi alla quale dovrà rispondere del reato di evasione. Gli inquirenti stanno ora vagliando attentamente la posizione del vittoriese per accertare le ragioni per le quali non si trovasse presso la propria abitazione, così come previsto. The post Vittoria, evade dai domiciliari: 26enne arrestato dai carabinieri appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-25By Redazione
    2 months ago
  • Fuga di gas, evacuati gli edifici della Provincia Regionale di Ragusa
    Viabilità interrotta e evacuazione in via precauzionale dei palazzi della provincia,  a causa di una fuga di gas presumibilmente causata dalla rottura di un tubo conduttore. Sul posto, i vigili del fuoco per individuare la copiosa perdita e la causa di tale accadimento avvenuto quasi certamente nei pressi della sottostante via Natalelli. In via precauzionale la zona compresa tra Via del Fante e Piazza libertà è stata chiusa alla viabilità. L’evacuazione ha coinvolto numerose persone tra  residenti e impiegati. The post Fuga di gas, evacuati gli edifici della Provincia Regionale di Ragusa appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-25By Alessia Sudano
    2 months ago
  • Migranti, tratta di esseri umani: 6 arresti della Polizia fra Ragusa e Padova
    Tratta di esseri umani (anche minori), favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, induzione alla prostituzione e traffico di stupefacenti, legato al traffico di esseri umani. Sono le accuse per le quali, su disposizione della procura Distrettuale di Catania, la Polizia di Ragusa e di Padova hanno tratto in arresto sei persone. Il provvedimento nasce da un’indagine della polizia iniziata nel mese di giugno dello scorso anno, a seguito delle dichiarazioni rese da una cittadina nigeriana minorenne, arrivata a Pozzallo nel maggio del 2016. The post Migranti, tratta di esseri umani: 6 arresti della Polizia fra Ragusa e Padova appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-25By Redazione
    2 months ago
  • Maltempo, Crocetta a Modica: il 26 stato di calamita’
    Sopralluogo del presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta a Modica, il cui territorio e’ stato travolto dal violentissimo nubifragio di domenica scorsa. Giovedi’ la Giunta regionale discutera’ delle risorse economiche da erogare come somma urgenza, e della richiesta di calamita’ naturale da inviare alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Per quanto riguarda Modica, le risorse immediate per fare fronte alle criticita’ connesse alla viabilita’, al sistema di depurazione e degli alvei e agli immobili (scuole e Palazzo di citta’) dovrebbero essere circa tre milioni di euro. Cinque milioni per gli interventi strutturali, provenienti dal Piano operativo di coesione. A Palazzo San Domenico, sede del Comune, lo ha accolto il sindaco Ignazio Abbate con la Giunta al completo. Presente il capo della Protezione civile regionale Calogero Foti. Abbate ha fatto la conta dei danni che riguardano la viabilita’, gli immobili, il depuratore di contrada Fiumara, il sistema fognario e lo stato degli alvei: “Si spendono giornalmente trecentomila euro, ha affermato, che sono la risultante dell’impiego di mezzi e di uomini che tutto il giorno lavorano non solo al ripristino dei luoghi in centro urbano ma anche nelle campagne. Dal mondo agricolo salgono le maggiori necessita’ di intervento per i danni subiti dal comparto che sono considerevoli”. Il presidente della Regione, Crocetta ha fatto sintesi degli interventi: intervenire sulle emergenze, ovvero sulla viabilita’ da ripristinare,(si tratta di 45 chilometri di strade da ripristinare), sugli alvei, sul depuratore, compreso il ripristino della strada di accesso all’impianto e il sistema fognario soprattutto nella condotta ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-24By Redazione
    2 months ago
  • Ragusa, “bella signora disposta a tutto”: Polizia chiude casa di prostituzione
    La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha chiuso la prima “casa a luci rosse” del 2017 a Ragusa in Vai Bosisio, una traversa del centralissimo C.so Italia. Qualche giorno fa, un cittadino aveva contattato il 113 (il numero di pronto intervento della Polizia di Stato) riferendo di una casa di prostituzione accanto al suo immobile. La Squadra Mobile dava avvio ad alcuni accertamenti e, ieri, dopo qualche giorno di osservazione dell’immobile, è stata riscontrata la notizia fornita dal cittadino. Un signore, che apparentemente sembrava essere un anziano residente nella zona, dopo essere entrato nell’appartamento, è uscito dopo poco e per questo è stato identificato dalla Squadra Mobile che si era appostata sotto casa. L’anziano, quasi ottantenne, non ammetteva subito di aver consumato un rapporto sessuale, anzi negava di essere stato in quell’appartamento, cosa che dimostrava la sua poca sincerità, dettata di sicuro dal forte imbarazzo. All’interno di casa c’era la donna, una “BELLA SIGNORA MATURA DISPOSTA A TUTTO”, così come la stessa si pubblicizzava su siti specializzati. Accompagnati tutti presso gli uffici della Squadra Mobile con l’ausilio della Squadra Volanti, sono bastati pochi minuti per chiarire quanto accaduto. La donna di quasi 50 anni, di origini colombiane ma cittadina spagnola, quindi regolare sul territorio italiano, ha preso in subaffitto la casa da un’altra sua “collega” andata via pochi giorni fa. L’uomo, un anziano signore ragusano, ha cercato su internet una prostituta e si è recato presso l’indirizzo fornitogli telefonicamente, grazie al sito specializzato. Il proprietario di ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-24By Redazione
    2 months ago
  • Ragusa, sequestrati dai Carabinieri 73 quintali di prodotti lattiero caseari in cattivo stato di conservazione
    Nell’ambito dei servizi di controllo in materia igienico-sanitaria alle aziende agricole presenti sul territorio i militari della Stazione di Ragusa Ibla, unitamente al Nas di Ragusa, hanno effettuato alcuni accessi ad aziende site nel territorio di San Giacomo. In particolare l’ispezione igienico-sanitaria effettuata ad un’azienda zootecnica che produce e commercia latticini e formaggi con certificazione biologica sono emerse sia violazioni di tipo edilizio, per l’ampliamento abusivo di locali e la costruzione di nuovi locali mai accatastati ed adibiti a laboratorio, sia di tipo sanitario, per le condizione di scarsa igiene riscontrate. Oltre alla presenza di ragnatele sui soffitti, polvere, residui caseari ammuffiti nei laboratori sono stati rinvenuti prodotti in cattivo stato di conservazione che i militari hanno sottoposto a sequestro per un totale di circa 73 quintali ed un valore complessivo di 90.000 euro circa. Nelle celle frigorifere sono state inoltre trovate 270 bottiglie di latte fresco pastorizzato destinato alla vendita, con data di scadenza superiore ai sei giorni dall’avvenuta pastorizzazione, anche tali prodotti sono stati sequestrati ed il titolare deferito per tentata frode in commercio. Il valore del latte ammonta a circa 500,00 euro.   The post Ragusa, sequestrati dai Carabinieri 73 quintali di prodotti lattiero caseari in cattivo stato di conservazione appeared first on .: La Spia :. contro ogni forma di mafia. ... read more
    Source: La SpiaPublished on 2017-01-24By Redazione
    2 months ago
(Visited 248 times, 1 visits today)