DESIDERIO, SPERANZA

O Diu, chi fussi oceddu chi vulassi, Chi Volu e vaju nna l’amanti mia; Un fazzulettu biancu m’accattassi; – Stújami li sudura, armuzza mia.. Un lettu ben cunzatu mi truvassi, Dipoi mi portu a dórmiri cu tia; Quannu ddà sira e notti arripusassi, Di cori t’arringraziu, armuzza mia. Giuseppe Pitré, Palermo

DESIDERIO, SPERANZAO Diu, chi fussi oceddu chi vulassi,
Chi Volu e vaju nna l’amanti mia;
Un fazzulettu biancu m’accattassi;
– Stújami li sudura, armuzza mia..
Un lettu ben cunzatu mi truvassi,
Dipoi mi portu a dórmiri cu tia;
Quannu ddà sira e notti arripusassi,
Di cori t’arringraziu, armuzza mia.

Giuseppe Pitré, Palermo

Fiabe, novelle e racconti popolari Siciliani

Fiabe, novelle e racconti popolari Siciliani – Giuseppe PITRE’

Fiabe, novelle e racconti popolari Siciliani - Giuseppe PITRE'L’edizione integrale delle fiabe di Pitrè è stata condotta sotto l’egida di un Comitato scientifico presieduto da Giovanni Puglisi, e sotto la direzione di Jack Zipes.

La traduzione in italiano moderno è di Bianca Lazzaro. L’opera consta di 400 fiabe originali in dialetto siciliano, con traduzione italiana a fronte (300 testi principali, con 100 varianti).

Essa comprende inoltre in versione integrale gli apparati critici e filologici così come pubblicati da Pitrè nella prima edizione del 1875, nonché tutte le note lessicali e comparatistiche in calce alle fiabe. Allo stesso modo sono ripresi integralmente i seguenti testi di Pitrè: Discorso preliminare; Saggio delle novelle popolari; Grammatica del dialetto e delle parlate siciliane.

2013, pp. 2804, cofanetto con 4 voll. rilegati, 165,00 €