Cancari, il Musical

Ventu Ccu ventu forti lu vascellu scerra, ccu frevi forti lu malatu sbarra. Ppi cunsigghieri si persi la verra, prima si penza beni e poi si parra. Parti guerrieru e va vinci sta verra, cu la vinci è patruni di Navarra. La ‘ntisu diri ppi mari e ppi terra: “cu vinci amuri ppi sempri si … Continue reading “Cancari, il Musical”

Ventu

Ccu ventu forti lu vascellu scerra,
ccu frevi forti lu malatu sbarra.
Ppi cunsigghieri si persi la verra,
prima si penza beni e poi si parra.
Parti guerrieru e va vinci sta verra,
cu la vinci è patruni di Navarra.
La ‘ntisu diri ppi mari e ppi terra:
“cu vinci amuri ppi sempri si nni parra”.
Su parru sgarru e su non parru ‘nzertu,
sugnu comu n’aranciu asciuttu, asciuttu,
sugnu comu na tavula di lettu,
nun n’parru ‘ndicu nenti e sacciu tuttu.
Taliu lu celu suddè chiaru e nettu,
lu celu è nettu e nun è chiaru tuttu
tutti li cosi mi scrivu ‘nta lu pettu,
cu lu fingiri mio vincivi tuttu.

Vento

Con il vento forte il vascello litiga
Con febbre forte il malato delira
Per un consigliere si è persa la guerra
prima si pensa bene e poi si parla
Parti guerriero vai e vinci questa guerra
chi la vince diventa padrone di Navarra.
L’ho sentito dire per mare e per terra
chi vince amore per sempre se ne parla
Se parlo sbaglio, se non parlo indovino
sono come un’arancia secca
sono come una tavola del letto¹
non parlo, non dico niente ma so tutto
Guardo il cielo se è chiaro e limpido,
il cielo e limpido ma non del tutto.
Mi tengo tutto dentro nel mio petto,
con il mio fingere riesco e vincere.

Cancari, il Musical

Circannu a strada
(D.Aiola)

Vaiu di cca circannu a strata
sulu ‘ncunfortu ppi l’anima mia
strata ca pari illuminata
‘mbrogghiu si scopri e così sia
pirchì circamu sempri pruvulazzu
pirchì facemu sempri litanii.
Poviru Cristu e Allah
Buddha e santi
‘manu a sti quattru briganti.
Brucia di focu la to carni
chinu d’amuri e focu lu to cori
teni luntanu a cu ti dici
scantu d’infernu e pintimenti
focu e vita vannu lenti lenti
ma bruciunu cannili e amuri ardenti.
Dicennu “u fazzu ppi tia”
ammazza a quattru o milli annuccenti
pazzu ‘ngnuranti e fora i sennu
o disgraziatu ‘manu a sti briganti
l’unicu scopu di la so esistenza
è cumminari na vigliaccheria.
Che bella arti la pittura
d’angili e santi su chini li quatri
megghiu taliari ‘nfunnu o mari
s’ama priari sti mura tinciuti
preia lu suli ca ti fa agghiurnari
e la to luna ca ti fa sugnari

Cercando la via

Vado cercando la via
Un solo conforto per la mia anima
Strada che sembri illuminata
Si scopre l’imbroglio e così sia
Perché cerchiamo sempre polvere¹
Perché facciamo sempre litanie
Povero Cristo e Allah
Buddha e santi
In mano a quattro briganti
Brucia di fuoco la tua carne
Pieno d’amore e fuoco è il tuo cuore
Mantieni lontano chi ti dice
Paura dell’inferno e dei pentimenti
Fuoco e vita procedono lenti lenti
Ma bruciano candele e amori ardenti.
Dicendo “lo faccio per te”
Uccide quattro o mille innocenti
Pazzo ignorante e folle
Oh disgraziato in mano a questi briganti
L’unico scopo della sua esistenza
È fare una vigliaccheria.
Che bella arte è la pittura
Di angeli e santi sono pieni i quadri
Meglio guardare in fondo al mare
Se dobbiamo pregare queste mura dipinte
Prega il sole che fa risvegliare
E la tua luna che ti fa sognare.

Cancari, il Musical

Canciari nenti

Canciari tuttu ppi nun canciari nenti
Baruni e parrini d’accordu e cuntenti
L’Italia fu fatta ‘ntra milli turmenti
Tutta ‘nde spaddi da povira genti.
Nun c’è mafia e mafiusi ca ponu bastari
Quannu ‘npopulu stancu accumencia a luttari
Cu Peppa a cannunera ca si metti davanti
Contra li burbuna e contra li briganti.
Canciari tuttu ppi nun canciari
Nun c’è mafia ca pò bastari
Nun c’è pacienza ca pò finiri
Né spiranza ca pò capiri.
“N’arrubbanu lu suli e ristamu a lu scuru”
Gnaziu puitava e Rosa cantava
Prisintamu st’amici ca ni desunu u cori
Ppi la nostra Sicilia lu lustru truvari.
“Vitti na crozza supra nu cannuni”
Troppu cristiani comu passuluni
Chiudunu l’occhi senza fari strapazzi
S’arridducenu tutti poviri e pazzi.

Non cambia niente

Cambiare tutto per non cambiare niente
Baroni e preti d’accordo e contenti
L’Italia fu fatta tra mille tormenti
Tutta sulle spalle della povera gente.
Non c’è mafia e mafiosi che tengano
Quando un popolo stanco comincia a lottare
Con Peppa “la cannoniera” che si mette davanti
Contro i Borboni e contro i briganti.
Cambiare tutto per non cambiare
Non c’è mafia che tenga
Non c’è pazienza che finisca
Né speranza che possa bastare.
Ci hanno rubato il sole e siamo
rimasti al buio
Ignazio poetava e Rosa cantava
Presentiamo questi amici che ci
hanno regalato il cuore
Per dare lustro alla nostra Sicilia.
Ho visto un teschio sopra un torrione
Troppe persone come fichi appassiti (istupiditi)
Chiudono gli occhi senza strapazzarsi
Si sono ridotti poveri e pazzi.

CANGIARI

Il Musical

CANGIARI

Cangiari è un musical scritto da Giovanna Manola con brani della band catanese Strummula, andato in scena per la prima volta nel maggio del 2010 presso il Piccolo Teatro di Catania, allestito dalla Compagnia Maqam diretta dalla stessa autrice e dalla coreografa Federica Feltri. Il musical racconta una favola dei giorni nostri attraverso la quale lo spettatore viene catapultato, insieme alla protagonista, in un viaggio nel tempo. Dalla Sicilia odierna si passa agli anni 30 e da questi all’epoca borbonica e agli anni dei Vespri siciliani, sino ad arrivare alla dominazione araba dell’anno 1000. I brani di Strummula, che ormai da più di 20 anni raccoglie le tradizioni popolari e musicali, passate e presenti, in una serie di canzoni in lingua dialettale scritte in particolare da Domenico Aiola e Franco Giuffrida, sono stati arrangiati per la scena da Antonio Indelicato.

 ARGOMENTO

Federica, giovane studentessa dell’Accademia di Belle Arti, lamenta la sua frustrazione per questa regione, la Sicilia, che non offre sbocchi alle nuove generazioni ed incontra nel collega Ibrahim, extracomunitario già laureato nel suo paese, le stesse incertezze, la stessa rabbia e le stesse motivazioni che le fanno desiderare di andare via dalla sua terra.

Tuttavia, durante una visita ad un antico palazzo insieme alla sua classe, Federica vivrà un’avventura fantastica, fra sogno e realtà, che le farà ridimensionare le sue posizioni.

Rimasta chiusa per errore all’interno dell’inquietante palazzo, ad ogni rintocco del grande orologio

della sala, Federica verrà trasportata indietro nel tempo: si ritroverà alla festa di Tony, figlio del boss mafioso Don Vito, negli anni 30; attraverso uno specchio verrà catapultata in un valzer del periodo borbonico, classe già in declino dopo le rivoluzioni che porteranno all’unificazione d’Italia; si risveglierà sul finire del 1200 in mezzo ad un gruppo di popolani ubriaconi che le racconteranno ciò che sta accadendo con i Vespri ed infine il “maledetto” orologio la riporterà nel X secolo, durante la dominazione aghlabida, durante la quale si ritroverà moglie del giovane emiro Ibrahim.

La ragazza scoprirà la sua storia, la storia della sua terra e del suo popolo e guarderà ad essa con occhi nuovi, raggiungendo la consapevolezza che quando esisteva la tolleranza ed il rispetto reciproco, si viveva in armonia e prosperità. E forse è questo ciò che vorrà tentare di fare in prima persona: mantenere la speranza di “cangiari” le cose negative attraverso l’unico grande principio del rispetto per la libertà delle proprie scelte, il rispetto per le donne, il rispetto per le tradizioni e la cultura di un popolo.

LE MUSICHE

La band STRUMMULA nasce nel quartiere della Civita a Catania nell’aprile del 1980 e da allora comincia a raccogliere ciò che resta del patrimonio tradizionale e popolare tramandato dagli anziani. La sua attenzione si sposta poi anche sulle raccolte di ricercatori isolani come Corrado Avolio, Antonino Uccello e Giuseppe Pitrè. Nasce così un repertorio fatto di melodie originali costruite su quanto raccolto da manoscritti, voci e racconti, insieme ad una serie di brani inediti che man mano vengono prodotti per raccontare il presente dell’isola. E così dai testi tradizionali come “Lu vespru sicilianu” si passa a brani come “Venunu di luntanu” sul tema dell’immigrazione.

All’interno del musical i brani trovano un loro posto ad hoc, inseriti in un contesto scenico che ne evidenzia i contenuti ed esalta la bellezza musicale.

POSSIBILI ATTIVITÀ LEGATE ALL’OPERA

I brani all’interno del musical

  • Il musical si apre con un brano intitolato Canciari nenti. Ecco una frase emblematica da cuitrae il titolo la canzone: “Canciari tuttu ppi nun canciari nenti”. Se tradotta in italiano, ciriconduce alla famosa frase che Tomasi di Lampedusa, nel suo romanzo Il Gattopardo , fapronunciare a Tancredi, resa più esplicita dall’altra famosa citazione “se vogliamo che tuttorimanga com’è, è necessario che tutto cambi”. Tale realtà politica si riferiva all’aria dirinnovamento che accompagnava l’annessione del regno borbonico all’Italia nascente, ma già evidentemente corrotta. Se dovessi attualizzare questa frase, quali spunti di riflessione sorgono rispetto all’attuale situazione sociale e politica? Il brano in apertura ne offre diversi come la mafia e la resistenza a questa del popolo siciliano.
  • Quando Federica si ritrova a doversi inventare una canzone per salvarsi dal boss Don Vito, cerca nel cassetto dei ricordi dei vecchi detti popolari che le ripeteva la nonna e ne viene fuori il brano intitolato Su non cantu moru nel quale appaiono antichi modi di dire che racchiudono perle di saggezza popolare come per esempio “Cu casca ‘mpuvirtà perdi lu nomu, non si viri taliatu di nisciunu”. Conosci qualche detto popolare o qualche antico modo di dire in dialetto ascoltato da persone più anziane?
  • Ritrovatasi nel gruppo dei grotteschi popolani alla fine del 1200, Federica ascolta il racconto di ciò che furono le rivolte del popolo siciliano contro gli Angioini mentre si auspicavano l’intervento di Pietro d’Aragona, la cui consorte Costanza, discendente del grande imperatore Federico II, riportava alla memoria lo splendore del regno svevo. I popolani cantano Lu vespru siciliano, il cui testo è tradizionale e proviene da una raccolta del Pitrè.E lu francisi cu la so putenza ‘nda la Sicilia facìa malacrianza”, così inizia il racconto che viene dalla bocca del popolo. Ascoltando il brano, quale punto di vista emerge in merito alla dominazione angioina che lo stesso Dante nel Paradiso indicò come Mala Segnoria?
  • Alcuni brani del musical offrono spunti di riflessione su problematiche presenti che, come sempre accade, si relazionano con eventi già avvenuti nel nostro passato e che si ripropongono in forme diverse oggigiorno. Fra queste indichiamo il tema dell’immigrazione/emigrazione in Venunu di luntanu, il tema delle guerre provocate dagli estremismi religiosi in Circannu a strata ed ancora il brano di chiusura Semu siciliani che raccoglie in un sound rock accattivante il cuore della sicilianità: la commistione tra culture diverse, eredità delle molteplici dominazioni. Così la tolleranza ed il rispetto nascono grazie alla conoscenza della propria storia e dalla consapevolezza di essere un unico calderone di tradizioni e culture. Rifletti sui temi trattati dai brani in relazione al seguente ritornello tratto dall’ultima canzone citata:“E allura chi putemu fari, semu tucchi, semu greci, ‘n pugnu d’africani, di francisi e di spagnoli, semu siciliani!”

Il testo drammaturgico del musical

Il linguaggio del testo drammaturgico riassume le tendenze delle presenti generazioni legate ai mezzi di comunicazione di massa, come la TV, Facebook ed i cellulari, combinati con linguaggi più tradizionali, antichi modi di dire e citazioni dialettali, contrasti risalenti al passato della nostra isola.

Facciamo un viaggio di scoperta nel testo dell’opera!

  • Riscopriamo la musicalità del nostro dialetto in un antico contrasto tradizionale inserito nella scena tra i due popolani dei Vespri che si scherniscono con battute che nascondono l’eterno tema di amore e odio. Prova a leggere il contrasto e tenta di analizzare tanto il contenuto linguistico che tematico.

Alta ci siti vui e iu nun mi ni curu,

pirchì lu spezzi non si vinni cchiù a cantaru,

si vinni a unza, a unza e comu l’oru,

e vui nun siti figghia di quarchi nutaru,

ni puramenti di nu riccu moru,

siti figghia d’un tintu sardaru,

sardaru tintu e mancu bonu.

Facci di carta nzunzata cu l’ogghiu

Ti mendi a diri ca iu vogghiu a tia,

iu nun t’amu nun ti stimu e nun ti vogghiu,

mancu si fussi oru ni vurria.

Prima ta mettiri setti misi ammoddu

e poi mortu ha passari di mia

e allura ti mannu a diri si ti vogghiu

ppi criateddu nda la casa mia.

  • Sempre a proposito del periodo dei Vespri, tramanda la tradizione che i siciliani, per scoprire i francesi che si camuffavano da popolani per sfuggire alla rivolta, mostrassero loro qualcosa chiedendo di ripeterne il nome in dialetto, cosa che loro, data la pronuncia francese, non riuscivano a fare correttamente. Anche nel musical uno dei popolani chiede al presunto francese di ripetere questa fatidica parola. Qual è?
  • Quando Federica si ritrova fra i nobili dell’epoca borbonica, sarà testimone della conversazione di due signorotti che chiacchierano a proposito delle rivolte dei contadini guidati da un gruppo di rivoluzionari riferendosi altresì ai precedenti moti del 1820. In che periodo storico ci ritroviamo e cosa avverrà nel giro di qualche decennio nella nostra nazione? Che valore ha una costituzione in tal senso?
  • La dominazione araba, secondo molti storici fra i quali Amari, portò in Sicilia un rinnovato splendore artistico, culturale ed economico intorno al IX-X secolo. La figura realmente esistita dell’emiro Ibrahim, giovane che aveva ricevuto un’educazione tanto militare che umanistica, recita un componimento. Qual è il tema universale racchiuso in esso? Quali altri poeti hanno trattato questo tema?

Cieco! Questa terra, questo cielo, queste stelle sono irrilevanti,

Lascia tutto ed accontenta la tua gioia!

Da questo spazio che ritornando viene costruito e distrutto,

É solo un respiro che prenderai, un respiro irrilevante.

Testo di presentazione ed attività didattiche a cura dell’autrice, Prof.ssa Giovanna Manola.